Predica cautela e tiene alta l’attenzione sul rischio di un contagio di ritorno. Ma risponde anche a Matteo Renzi, che dalle pagine di Repubblica ha definito l’ultimo decreto del presidente del Consiglio come “uno scandalo costituzionale“. “Renzi? Non sono al corrente delle sue dichiarazioni, sono tornato a Roma alle 4. C’è libertà di pensiero, a me tocca decidere con tutta la responsabilità del caso“, dice Giuseppe Conte da Lodi. Se ieri il premier era stato per la prima volta a Milano dall’inizio dell’epidemia, oggi parla dalla prima provincia colpita dal coronavirus. Ma deve occuparsi non solo dell’emergenza ma anche degli attacchi al suo esecutivo, che questa volta provengono da uno dei leader della stessa maggioranza.

Casellati: “Parlamento cuore democrazia, ma escluso” – E in serata arriva anche l’affondo della presidente del Senato, Maria Elisabetta Casellati: “Il Parlamento, il cuore della democrazia, è escluso dalle scelte future”, dice al Tg1. “Occorre ripartire subito con regole chiare e una programmazione puntuale su tutte le attività – spiega la seconda carica dello Stato – Tutti i giorni ricevo messaggi di cittadini che non mi chiedono aiuti ma chiedono di tornare a lavorare e io ho una difficoltà”. Quale? “Il Parlamento che è il cuore della democrazia, è la voce dei cittadini, è escluso dalle scelte future ma il Parlamento è il primo interlocutore del governo, è lì che si realizza l’unità nazionale”.

“Rischio contagio di ritorno è ancora molto concreto” – Nelle ore precedenti era stata comunque la cosiddetta Fase 2 l’argomento principale delle dichiarazioni del presidente del Consiglio, al di là della risposta a Renzi sullo “scandalo costituzionale” dell’ultimo Dpcm. Il senso delle parole del premier è lo stesso di 24 ore fa: non ci sono ancora le condizioni per tornare alla normalità. “Abbiamo fatto qualche passettino in avanti, per qualcuno non è sufficiente ma non possiamo fare di più. Io sono il primo che vorrebbe allentare le misure però per adesso dobbiamo ancora procedere così”. Conte ha citato il report dell’Istituto superiore di Sanità che ha convinto il suo esecutivo a battere ancora la strada della prudenza anche dal 4 maggio. Quanto torneranno a lavoro 4 milioni di persone. “Abbiamo visto in altri Paesi i rischi che si affrontano. Noi stiamo già affrontando un rischio: dal 4 maggio 4,5 milioni di lavoratori torneranno a lavorare, prenderanno i mezzi pubblici ma anche il mezzo privato può essere un rischio. Le scuole devono rimanere chiuse e non possiamo allentare sulle relazioni sociali: per qualcuno non è sufficiente ma non possiamo fare di più. Affrontiamo un rischio calcolato, su base scientifica: il documento dell’Iss è stato alla base delle nostre decisioni, che sono tutte nostre. Le rivendichiamo”. Dalla prossima settimana, dunque, “creeremo più occasioni di contagio” e il rischio “che i focolai possano riesplodere“. E quindi “il rischio di un contagio di ritorno è molto concreto“. Per questo motivo il premier ha continuato a predicare la necessità di “agire con ragionevolezza, con prudenza” . “Non possiamo permetterci di aver una situazione fuori controllo. Io ho parlato di chiudere i rubinetti in caso di nuovi focolai, in questa prospettiva ci si è adoperati ad allentare qualche misura sociale, ma essendo sempre pronti ad intervenire”, sono le parole del capo dell’esecutivo.

Speranza: “Serve alto livello di rigore” – “Un governo serio ha diritto a dire come stanno le cose: serve ancora mantenere un alto livello di rigore”, dice anche Roberto Speranza. “Il messaggio è che si riapre con il massimo della prudenza. Basta poco per tornare indietro ed il caso della Germania lo dimostra – ricorda il ministro della Salute – Se l’evoluzione sarà positiva saremo felicissimi di aprire ancora di più”. La scelta è stata quella di “ripartire dalla rimessa in moto del motore produttivo del nostro Paese”. Una “logica di scenario in cui il 4 maggio è un primo pezzo”, perché – come spiegato da Ilfattoquotidiano.it – la Fase 2 è in realtà divisa in Fase 2A e Fase 2B. Quindi sottolinea che “l’indice del contagio tra 30 giorni dipende dai nostri comportamenti, non è già scritto. E i comportamenti individuali restano la chiave” in questa emergenza.

“Per il futuro importanti test sierologici e app” – Come già aveva fatto ieri, il premier ha praticamente risposto ai malumori di chi si aspettava un repentino ritorno alla vita prima dell’emergenza dalla prima settimana di maggio: “Non possiamo permetterci adesso di procedere con avventatezza e improvvisazione e per questo il lavoro di esperti e tecnici è stato prezioso. Mi dispiace per quei cittadini rimasti delusi, ma il nostro obiettivo prioritario è la tutela della salute e non possiamo da una settimana all’altra cambiare obiettivo”. Spiragli per il futuro? Se la situazione rimarrà sotto controllo dopo il 4 maggio, ci saranno “ulteriori passi significativi“. Ma per arrivarci saranno “importantissimi i vari test, sia il tampone sia quelli seriologici: man mano che diffonderemo questi test e che coinvolgeremo la popolazione, avremo un patrimonio informativo che ci consentirà di muoverci in questa seconda fase con maggior avvedutezza e sicurezza”. In ogni caso sarà importante tenere d’occhio sempre i dati: “In questo è importante il contributo dei presidenti delle Regioni – dice Conte -per un database sempre aggiornato“, con “stress test della terapie intensive. Incrociando dati, nella prospettiva piuttosto concreta che la curva possa risalire, noi possiamo localmente chiudere i rubinetti, senza buttare al mare gli sforzi fatti. Lo dobbiamo a noi stessi”. Tra gli strumenti per combattere il contagio anche l’app. “La fase due – ha detto il premier – prevede il tracciamento dei contatti, da qui la App che cercheremo di rendere disponibile quanto prima” per “chi vorrà” utilizzarla, “chi non vuole, per le leggi sulla privacy, non possiamo obbligarlo”. Dopo Lodi il premier è andato Piacenza dove ha annuncato un progetto per il primo ospedale post-Covid nella città emiliana: “Un progetto più ambizioso che abbiamo condiviso con Baonaccini, un investimento straordinario, un progetto per sanità, infrastrutture e agricoltura e poi un progetto per il primo ospedale post-Covid. Stiamo lavorando per dare un segno di rilancio a questo territorio ferito”.

“Chiedo alle banche un gesto d’amore” – Sul fronte economico il presidente del consiglio ha lanciato un appello al sistema bancario affinchè “faccia un grande sforzo per erogare liquidità alle imprese che hanno bisogno. Venite incontro a queste richieste”. C’è una “difficoltà nel rispondere a tutte le richieste, perché le sofferenze sono tali che è difficile, ma cercheremo di dare risposte a tutte le categorie sociali”. Per Conte si tratta di “un atto d’amore che chiedo alle banche“. Dal decreto Aprile, invece, il capo dell’esecutivo ha ripetuto che “verranno risposte, ma non risolveremo tutti i problemi, questo dobbiamo dirlo a cittadini: è difficile rispondere a tutte le richieste, ma cercheremo di intervenire in modo serio e cospicuo, incisivo per dare risposte a gran parte delle classi sociali. C’è tanto da fare per dare grande sostegno alle famiglie in sofferenza ai lavoratori e alle imprese, che saranno il pilastro di questo intervento”.

Memoriale Coronavirus

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Fondo salva Stati, botta e risposta tra Gualtieri e Borghi. Il ministro: ‘Confondete di proposito i contenuti’. Il deputato: ‘Non mi dia del bugiardo’

next