Era una date delle date cerchiate in rosso dalle forze dell’ordine: dopo Pasqua e pasquetta, controlli rafforzati anche per il weekend del 25 aprile per evitare che, complici le belle giornate primaverili, le persone non rispettassero i divieti imposti dai decreti per l’emergenza sanitaria. In totale, sono stati 317mila i controlli effettuati dalla Polizia durante la festa della Liberazione, con 9500 sanzioni.

Dai dati del Viminale emerge che i controlli sono stati effettuati su 242.145 persone e su 74.955 esercizi e attività commerciali. Sul totale delle persone controllate, 9.240 sono state sanzionati mentre 71 sono state denunciate per falsa dichiarazione e 39 per violazione della quarantena. Per quanto riguarda gli esercizi commerciali, le sanzioni sono state 295 e 59 i provvedimenti di chiusura. Dall’11 marzo a ieri, dice ancora il Viminale, sono state controllate complessivamente oltre 10 milioni e 340mila persone e poco più di 4 milioni di esercizi e attività commerciali.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Spostamenti, via libera ai funerali e restrizioni per gli over 60: le ipotesi allo studio per la Fase 2 dal 4 maggio. La videoscheda

next
Articolo Successivo

Coronavirus, dal 4 maggio si potrà fare attività sportiva all’aperto (da soli) e comprare cibo da asporto. Obbligo di mascherine sui mezzi pubblici. Negozi aperti dal 18, parrucchieri ed estetisti da giugno

next