Nella consueta messa del mattino a Casa Santa Marta papa Francesco ha voluto pregare oggi per le famiglie vittime dell’usura e si è rivolto loro spiegando che questo è “uno degli effetti, di questa pandemia”. “Tante famiglie che hanno bisogno, fanno la fame, e purtroppo li aiuta il gruppo degli usurai – ha detto il Pontefice -. Questa è un’altra pandemia, la pandemia sociale: famiglie di gente che ha lavoro giornaliero, o purtroppo lavoro in nero, non possono lavorare e non hanno da mangiare, con figli. E poi gli usurai che gli prendono il poco che hanno. Preghiamo – ha aggiunto Francesco -, preghiamo per queste famiglie, per quei tanti bambini di queste famiglie, per la dignità di queste famiglie. E preghiamo anche per gli usurai – ha sottolineato il Pontefice -: che il Signore tocchi il loro cuore e si convertano”.

Nell’omelia, commentando le letture del giorno, il Papa ha poi sottolineato che “Gesù prega per noi, prega davanti al Padre: noi siamo abituati a pregare Gesù perché ci dia quella grazia, o quell’altra, ma non siamo abituati a contemplare Gesù che fa vedere al Padre le piaghe, a Gesù l’intercessore, a Gesù che prega per noi”.”Pensiamo un po’ a questo – ha quindi esortato – e rivolgiamoci a Gesù ringraziando che lui preghi per noi, per ognuno di noi”. “Gesù prega – ha ribadito il Pontefice -, Gesù è l’intercessore, Gesù ha voluto portare con sé le piaghe per farle vedere al Padre, il prezzo della nostra salvezza. Signore prega per me, perché tu sei l’intercessore – ha concluso Francesco -. Il Signore ci insegni a chiedergli la grazia di pregare per ognuno di noi”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus – Verso ok a spostamenti dal 4 maggio, non tra regioni. Dall’11 riapertura dei negozi al dettaglio, a seguire bar e ristoranti

next
Articolo Successivo

Catanzaro, assenteismo in azienda sanitaria e all’ospedale Pugliese-Ciaccio: 57 persone indagate, 15 sospesi dal servizio

next