“Concordo con il presidente del Consiglio, la data del 4 maggio non è ‘liberi tutti’. Va considerata una gradualità. È chiaro che magari qualche piccola eccezione, per chi vive ai confini di una regione e lavora in quella limitrofa, potrà essere largamente considerata e messa in conto”. L’ha detto Franco Locatelli, presidente del Consiglio superiore di sanità nella conferenza stampa alla Protezione civile.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, Locatelli: “L’indice di contagiosità è sceso tra 0,5 e 0,7. Dal 3 aprile riduzione costante di ricoverati in terapia intensiva”

next
Articolo Successivo

Coronavirus, Locatelli: “Rischiosa l’apertura delle scuola insieme al ripristino delle attività lavorative”

next