Costretto ad allenarsi sui rulli a causa del lockdown, il ciclista della Trek-Segrafredo Giulio Ciccone si è reso protagonista di una singolare impresa: l’abruzzese ha compiuto infatti la scalata virtuale del monte Everest tramite l’utilizzo di un programma apposito. “Sono stato in bici 11 ore e 37 – ha spiegato Ciccone – per circa 270 km e un dislivello di 10.400 metri, mentre la normale challenge dell’Everest è di 8.900 metri. Farlo veramente è più facile, perché sui rulli lo sforzo viene moltiplicato. Non ho mai fatto soste superiori al minuto e mezzo”. Mentre terminava la sua impresa Ciccone ha voluto fare una dedica: È’ per noi, per chi sta vivendo un momento di difficoltà e chi ha perso qualcuno di caro. Per la nostra rinascita“.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Covid, gli effetti sul calcio femminile. La preoccupazione di Carolina Morace: “Non se ne parla più, solo spot ma servono soluzioni”

next