L’alternativa alla app è mettersi sulla porta dell’ospedale e attendere che arrivino i contagiati. Non sto promuovendo la app, ma dico che l’alternativa è attendere che arrivino i nuovi contagi. E se è una scelta di sanità pubblica bisogna renderla obbligatoria, visto e considerato che i tecnici dicono che funziona solo se almeno il 60% della popolazione l’ha installata”. A ribadirlo è stato oggi il presidente della Regione Veneto, Luca Zaia, nel corso del consueto punto stampa alla sede della Protezione civile di Marghera.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, l’informativa del presidente del Consiglio Conte alla Camera: segui la diretta

next
Articolo Successivo

Conte al Parlamento: ‘Nuovo decreto per 50 miliardi. Fase 2 complessa, ci sarà piano strutturato”. Su trattative Ue: “Sostegno a proposte di Francia e Spagna, su condizionalità Mes attendo regolamenti attuativi’

next