Quattro ore di sciopero, giovedì 23 aprile, per tutti i 160 dipendenti: quello alla Scai Finance di Torino, azienda informatica, è il primo sciopero in smartworking. La trattativa sindacale – svolta ovviamente in videoconferenza – non ha portato a nessun accordo sulla cassa integrazione. Per questo, dopo un’assemblea dei lavoratori online, è stata presa la decisione di dichiarare mezza giornata di sciopero.

L’azienda informatica, attiva nel settore delle consulenze informatiche alle banche, appartiene al gruppo Scai, del vice-presidente dell’Unione Industriali di Torino, Massimiliano Cipolletta.”I lavoratori e le loro rappresentanze sindacali ritengono inaccettabile l’atteggiamento dimostrato dall’azienda durante l’avvio della cassa integrazione”, scrivono in un comunicato i delegati di Fiom e Filcams Cgil presenti nell’azienda. “È incomprensibile – proseguono i delegati – l’attivazione della cassa integrazione per un numero così esiguo di persone, 24 su 160, che comporta una riduzione dei costi ridicola rispetto a quanto si sarebbe potuto ottenere con l’applicazione dell’ammortizzatore sociale su un numero decisamente più elevato di colleghi, con minima riduzione dell’orario di lavoro e minima perdita di salario”.

All’apertura della cassa integrazione che interesserà per cinque settimane 24 dipendenti – spiegano – l’azienda ha negato l’anticipo di quanto corrisponderà l’Inps, la rotazione tra i dipendenti e l’integrazione al salario di chi rimarrà a casa, creando una sorta di ‘lista nera’ di lavoratori discriminati, non dimostrando alcuna attenzione nei confronti dell’immediata necessità salariale dei dipendenti. “Per questo motivo – concludono i delegati – il mancato accordo sindacale sull’erogazione dell’anticipo dell’indennità di cassa risulta ancora più iniquo e ingiustificato: la ridicola riduzione dei costi per l’azienda si contrappone a un impatto economico devastante per i colleghi coinvolti dalla cassa e le loro famiglie”.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, emergenza affitti: “Non ce lo possiamo permettere”. Centinaia di studenti fuori sede partecipano alla fotopetizione

next
Articolo Successivo

Coronavirus, lavoro agile e diritto alla salute in tempo di emergenza

next