Era arrivato in Veneto dalla Campania per aiutare, in quanto medico, sul fronte del coronavirus, prendendo servizio all’ospedale di Treviso. Ma è stato sospeso in attesa di verifiche a causa dei suoi trascorsi giudiziari. Il protagonista è Ciro Borriello, 63 anni, chirurgo plastico, già deputato tra il 2001 e il 2006, prima con Forza Italia, poi con l’Udeur. Per due volte è stato anche sindaco di Torre del Greco, in provincia di Napoli: il primo mandato dal 2017 al 2012 (con l’Italia dei Valori sconfisse un candidato di centrosinistra), il secondo dal 2014 al 2017 (con una coalizione di centrodestra). Recentemente si era avvicinato alla Lega per Salvini Premier. Insomma, una carriera politica a tutto tondo, completata da non poche disavventure giudiziarie.

Borriello ha preso servizio l’1 aprile al pronto soccorso del Ca’ Foncello, una delle situazioni sanitarie più critiche del Veneto, visto che nell’ospedale ci sono stati numerosi infetti, dopo il decesso di una donna ricoverata in geriatria per tre settimane a causa di diverse patologie, poi poi deceduta per coronavirus. Una settimana dopo le autorità dell’Ulss lo hanno sospeso temporaneamente dal servizio per poter chiarire se si trovi nelle condizioni legali per lavorare in una struttura pubblica.

Nel suo passato ci sono tre inchieste giudiziarie. La prima, con una condanna nel 2015 in primo grado a tre anni e tre mesi (e interdizione dai pubblici uffici per cinque anni), riguardava un intervento di chirurgia estetica che sarebbe stato fatto figurare per un’operazione di appendicite. La vicenda avanti ai giudici non si è ancora conclusa. Poi un’indagine per favori legati a concessioni edilizie si è conclusa con la prescrizione in Corte di Cassazione: in primo grado era stato assolto (falso e abuso d’ufficio), in appello condannato a un anno di reclusione. Nel 2017 il terzo guaio, l’arresto per corruzione per atti contrari ai doveri d’ufficio, truffa ai danni dell’ente pubblico e falsità in atto pubblico. La Finanza aveva scoperchiato una serie di supposte collusioni nella concessione di appalti per rifiuti.

A Treviso l’Uls verificherà se sono in regola le autocertificazioni che il medico ha presentato quando si è iscritto tramite le liste dell’Azienda Zero per la libera professione. “Lo sospenderemo in via precauzionale e andremo a fare tutte le verifiche del caso”, ha spiegato Francesco Benazzi, direttore generale dell’Usl della Marca. “Se non ci saranno incompatibilità, l’attività riprenderà normalmente”. Il dottor Borriello ha dichiarato ai quotidiani locali: “Ho fatto tutte le dichiarazioni dovute all’Usl. L’azienda sanitaria potrà fare tutti i controlli che ritiene giusti”. Insomma, è tranquillo e sostiene che tutto è in regola. In Campania ha creato un centro di chirurgia plastica ricostruttiva (con tre filiali). Nel pronto soccorso di Treviso è stato assegnato a esaminare soprattutto i codici bianchi. L’annuncio dell’incarico lo aveva dato lui stesso attraverso i social: “Da oggi anch’io sono in prima linea”.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Intercettazioni, uno strumento indispensabile che a qualcuno farebbe comodo controllare

next
Articolo Successivo

Coronavirus, nella commissione d’inchiesta sul Pio Albergo Trivulzio anche l’ex pm Gherardo Colombo

next