L’attrice statunitense Lee Fierro, memorabile interprete del thriller “Lo squalo” (1975) di Steven Spielberg nel ruolo della signora Kintner e poi di nuovo nel sequel “Lo squalo 4” (1987), è morta ieri in una casa di riposo nello Ohio all’età di 91 anni per le complicazioni legate al coronavirus. L’annuncio della scomparsa è stato riferito dall’edizione online di “Variety” che cita la testata locale “The Marthàs Vineyard Times”.

Nel cult movie “Lo squalo” l’attrice interpreta il ruolo della madre di Alex Kintner (Jeffrey Voorhees), tra le prime vittime dello squalo. In una celebre scena piange il figlio scomparso per poi recarsi dal capo della polizia di Amity, Martin Brody (Roy Scheider), schiaffeggiandolo dopo aver saputo che era al corrente che una ragazza era stata già uccisa dall’attacco di uno squalo. “Sapevi che era pericoloso, ma hai lasciato che le persone nuotassero lo stesso – gli dice tra le lacrime – Sapevi tutte queste cose eppure il mio ragazzo è morto, e non c’è niente che tu possa fare. Mio figlio è morto. Volevo che lo sapessi”. Fierro tornerà a recitare lo stesso ruolo nel 1987 in “Lo squalo 4” diretto da Joseph Sargent.

Trent’anni dopo le riprese di “Lo squalo“, Lee Fierro, entrò in un ristorante di pesce e notò che il menu aveva un “Alex Kintner Sandwich” e raccontò al cameriere di aver interpretato la madre di Alex tanti anni prima. Il proprietario del ristorante corse a incontrarla: era nientemeno che Jeffrey Voorhees, che aveva interpretato suo figlio. Si rividero così, per caso, dopo tanto tempo, secondo il racconto fatto qualche anno fa dall’attrice in un’intervista.

A parte queste sporadiche pur memorabili apparizioni al cinema, Elizabeth Lee Fierro (questo il suo nome completo) per molti decenni è stata l’animatrice di un teatro per bambini, l’Island Theatre Workshop, a Tisbury Marthàs Vineyard, nel Massachusetts, con l’amica Mary Payne. Si è esibita in molte produzioni teatrali presso la Marthàs Vineyard Playhouse e ha anche insegnato recitazione in varie scuole. Nel 2017 per l’aggravarsi del suo stato di salute fu ricoverata in una casa di riposo nello Ohio.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, il tenore Vittorio Grigolo è in isolamento in Ucraina con la fidanzata: “È difficile…”

next
Articolo Successivo

Live non è la D’Urso, Fiordaliso: “Mia mamma mi ha chiamata dall’ospedale e mi ha detto ‘sto morendo'”

next