I club di Serie A hanno deciso di voler tagliare gli stipendi dei propri tesserati – calciatori e staff tecnico – del 30% se il campionato non ricomincerà. Ma, nei fatti, ogni società dovrà comunque trovare un accordo con i propri tesserati. Ad eccezione della Juventus, che ha già firmato un’intesa con l’intera rosa.

La delibera all’unanimità – esclusi proprio i bianconeri – è stata approvata dalla Lega Serie A e prevede una “comune linea di indirizzo” per “contenere l’importo rappresentato dagli emolumenti di calciatori, allenatori e tesserati delle prime squadre”. Questo intervento è ritenuto “necessario” per “salvaguardare il futuro dell’intero sistema calcistico” e prevede “una riduzione di un terzo della retribuzione totale annua lorda (ovvero quattro mensilità medie onnicomprensive) nel caso in cui non si possa riprendere l’attività sportiva” e “una riduzione di un sesto (ovvero 2 mensilità medie onnicomprensive) qualora si possa disputare nei prossimi mesi le restanti partite della stagione 2019/2020″. I club, chiarisce la Lega ed è un particolare non da poco, “definiranno gli accordi con i propri tesserati”. Insomma, dovranno comunque ‘trattare’ con calciatori e staff.

“Il coronavirus ha costretto il mondo intero ad affrontare una crisi senza precedenti. L’Italia è tra le nazioni più colpite con una drammatica caduta del Pil del Paese e milioni di lavoratori interessati dalla misura degli ammortizzatori sociali”, sottolinea la Lega in una nota. Il settore calcio “vivrà parimenti una situazione estremamente difficile, anche in caso di ripresa differita delle restanti partite di campionato e di Coppa Italia, mettendo a repentaglio la tenuta di tutto il sistema, da sempre sostenuto dalla Lega Serie A grazie al contributo mutualistico versato per le serie minori e gli altri sport”.

“Il contesto sopra descritto richiama tutti ad un atto di forte responsabilità, con i club pronti a fare la propria parte sostenendo ingenti perdite per garantire il futuro del calcio italiano – conclude la nota – Perdite che necessariamente dovranno essere contenute incidendo sulla riduzione dei costi, la cui principale voce per le società è rappresentata dal monte salari”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Zico all’Udinese, storia e retroscena di un trasferimento che trasformò l’utopia in realtà. Capitolo 1 – Quando il calcio è arte

next
Articolo Successivo

Radomir Antic, morto a 71 anni in Spagna il tecnico serbo. Nella storia per un record: unico ad allenare sia Real Madrid che Barcellona

next