Lo storico dell’arte Tomaso Montanari prosegue il ciclo della terza stagione del format ‘Favole Forme Figure’ – realizzato da Loft Produzioni in esclusiva per la piattaforma Loft (www.iloft.it e app Loft) in collaborazione con Land Comunicazioni con la regia di Luca Criscenti – con altre due opere fondamentali: I seminatori di Vincent Van Gogh e la fondazione della città di Pienza da parte di Papa Pio II. “Nel giugno del 1888 Van Gogh era ad Arles, in Provenza, e in una lettera a un amico scrittore dichiara di pensare spesso ai quadri di Jean-François Millet – spiega Montanari – che, come nessun altro aveva immortalato la vita semplice di chi vive in comunione con la natura. E’ un Van Gogh che cerca quella pace, quella intimità che il consorzio umano gli nega nella natura, nel sole, nei campi”. Van Gogh era “un pittore estremamente colto: dalle sue lettere emerge tutta l’ammirazione per i classici del ‘600 come Velasquez e Vermeer, che egli aveva riscoperto grazie a Manet, ai pittori francesi dell’800. In questo caso egli pensa ai quadri di Millet: egli li vuole rifare, integrandoli con la sua esperienza della realtà. La sua non è una ricerca naturalistica, ma è una ricerca che guarda nella profondità dell’animo. È una fase introspettiva che aprirà le porte all’espressionismo e alle avanguardie del ‘900. Come Caravaggio, anche Van Gogh è uno di quei casi in cui l’amore per la sua vita difficile e tormentata è inseparabile dall’amore per la sua pittura”.

“La città di Pienza scaturisce dalla mente di un Papa umanista, Pio II Piccolomini – spiega Montanari – una città nuova, secondo quelle idee nuove non solo di forma, di urbanistica, di architettura, ma anche di sostanza politica, di visione del mondo che oggi chiamiamo le idee del Rinascimento“.

“Favole Forme Figure” è un programma originale realizzato da Loft Produzioni in esclusiva per la piattaforma Loft (www.iloft.it e app Loft) in collaborazione con Land Comunicazioni. Dopo Guernica e la Madonna Sistina, Il David di Michelangelo e Il Ratto d’Europa di Tiziano, Betsabea al bagno di Rembrandt e Le storie della Vera Croce di Piero della Francesca, Il 3 maggio 1808 di Francisco Goya e Il Mangiafagioli di Annibale Carracci, I Seminatori di Vincent Van Gogh e la fondazione della città di Pienza da parte di Papa Pio II, Tomaso Montanari affronterà Villa di Maser costruita da Palladio e Le Galiziane alla finestra di Bartolomé Esteban Murillo.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Successivo

Speciale Accordi&Disaccordi (Nove), Conte: “Momenti più difficili del Coronavirus? Fare zone rosse e contare vittime”. E si commuove

next