Avremo un’altra limitazione alla libertà personale, indispensabile per poter permettere a questo Paese di lavorare. Peter Gomez, ospite del nuovo programma di approfondimento settimanale ‘Punto Esclamativo’, realizzato da Loft Produzioni e condotto da Luca Sommi, disponibile su sito e app tutti i martedì alle 17, spiega come, secondo lui, sarà possibile ritornare alla normalità quando la pandemia di Covid-19 sarà finalmente terminata: “Adesso siamo all’onda dello tsunami. L’onda dello tsunami speriamo che passi, era il momento straordinario in cui bisogna dare una mano tutti al capitano della nave perché siamo in piena tempesta – ha detto il direttore de ilfattoquotidiano.it – Adesso sappiamo che di tempeste ne avremo delle altre e allora abbiamo il tempo per organizzarci, a questo punto le cose vanno fatte per bene”. Secondo il conduttore di ‘Sono le Venti’ “noi avremo verosimilmente un’altra limitazione alla libertà personale, che sarà indispensabile per poter permettere a questo Paese di lavorare. Dovranno usare i cellulari per tracciarci, dovranno mettere i dati sui cellulari dopo che faranno i test, se tu sei positivo o se sei negativo, perché se sei negativo potrei fare delle cose, se sei positivo dovrai stare a casa“. In conclusione, “questa sarà una grande limitazione alla libertà personale, però io francamente non vedo tecnicamente un altro modo per poter permettere la riapertura di qualcosa”.

‘Punto Esclamativo’ è un programma originale Loft, disponibile in abbonamento su sito e app di Loft ogni martedì alle 17.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Punto Esclamativo, Montanari su Loft: “I pieni poteri di Orban? Salvini si starà mangiando i gomiti pensando all’occasione persa”

next