Raffaele è stato tra i più acuti osservatori e lucidi narratori del continente africano”. La Rivista Africa, per la quale scriveva, annuncia così la morte di Raffaele Masto, scomparso a causa del coronavirus. Giornalista di Radio Popolare e scrittore, era nato nel 1953. Lascia la moglie Gisele. Nel 1989 aveva iniziato a lavorare come giornalista alla Redazione Esteri dell’emittente milanese. Ha lavorato come inviato in Medio Oriente, America Latina e soprattutto in Africa, luogo dove ha preso ispirazione per scrivere molti dei suoi saggi. Masto era anche autore del blog Buongiorno, Africa ed è in pubblicazione nei prossimi mesi il volume ‘Mal d’Africa’, scritto a due mani con il giornalista Angelo Ferrari.

“Per oltre trent’anni – scrive di lui la Rivista Africa – ha seguito da vicino guerre, crisi umanitarie, rivoluzioni, svolte democratiche. I maggiori eventi della storia contemporanea. Nei suoi numerosi libri e reportage, nelle sue appassionate conferenze, nel suo seguitissimo blog, ha raccontato i tormenti e le speranze dell’Africa”. Oltre a questo, aggiunge la rivista, “ha denunciato i soprusi del potere, le ingiustizie del sistema economico, gli interessi occulti delle multinazionali, la complicità della classe politica occidentale nei confronti dei più spietati dittatori. Con le sue puntuali corrispondenze dai teatri dei conflitti dimenticati, ha contribuito a squarciare il silenzio dei grandi media – spesso distratti, opportunisti, accecati dagli stereotipi. Lo ha fatto con il suo stile: coniugando ragione e cuore, intelligenza e bontà d’animo, professionalità e passione civile”.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, il sindaco che accompagna al cimitero i defunti concittadini: “Così porto l’abbraccio di tutta la comunità”

next
Articolo Successivo

Coronavirus, la diretta – Prodi: “È come una guerra ma Ue non ha una strategia per il futuro. Olanda capisca che con la crisi i tulipani non li vende a nessuno. O stiamo insieme o scompariamo dalla cartina”

next