“Benvenuti a Chi l’ha visto? in un giorno davvero particolare per noi, è giovedì ma è il primo giorno utile. Che cosa è successo? Fino a ieri siamo stati in qualche modo espulsi ma nel senso che noi abbiamo deciso, ovviamente come è giusto che sia, di rispettare le regole. Andiamo in onda oggi perché fino a ieri eravamo in isolamento precauzionale, la sottoscritta con altri colleghi era qui quando c’era il Viceministro della Salute Sileri che è risultato poi positivo”, così Federica Sciarelli saluta il pubblico della storica trasmissione di Rai3 dopo lo stop delle scorse settimane. La giornalista, reduce dall’isolamento, ha però attaccato duramente il viceministro: “Ha comunicato in un post su Facebook di essere risultato positivo perché ormai si usa così. Ha detto di avere avvertito tutti i suoi collaboratori e tutti quelli con cui era entrato in contatto. A noi Sileri, in realtà non ci ha avvertito. Abbiamo comunicato alla ASL che c’era un ospite appunto positivo e la ASL ci ha detto che per quattordici giorni dopo questo incontro non ravvicinato, perché eravamo a distanza e abbiamo rispettato tutte le regole, dovevamo stare a casa rischiando, se andavamo a buttare la spazzatura dodici anni di galera”.

Non solo, la padrona di casa ha continuato lo sfogo ricordando l’ospitata del politico da Nicolo Porro, risultato poi positivo al Coronavirus, senza essersi messo in quarantena: “Ovviamente le regole vanno rispettate per tutti. A meno che non cambino di giorno in giorno. Sileri, anche lui era stato in uno studio con il bravo giornalista Nicola Porro che è risultato positivo il 2 marzo. Quindi secondo il regolamento che valeva per noi Sileri forse non doveva andare in tutti gli studi televisivi dove è andato per esattamente 14 giorni fino al 16 marzo. In un’intervista sul Corriere della Sera che non è stata smentita del collega Fabrizio Caccia Sileri dice ‘Mercoledì 11 marzo, accuso bruciore agli occhi, raffreddore e febbre e subito decido di autoisolarmi’. Se questo non sarà smentito, vuol dire però che Sileri aveva la febbre ed è venuto nel nostro studio. Sapete che le regole adesso sono ferree. Chi ha la febbre deve immediatamente comunicarlo e controllare che non sia a contatto con nessuno”.

A stretto giro con una nota è arrivata la replica del viceministro Sileri: “In merito a quanto affermato nella trasmissione Chi l’ha visto preciso che dopo aver partecipato alla trasmissione Quarta Repubblica di Nicola Porro non sono stato contattato dall’Asl di competenza e o da medico della prevenzione che mi ponesse in quarantena fiduciaria, perché non contatto stretto come immagino tutti gli ospiti della trasmissione. In merito all’intervista citata, c’è stato un errore perché mercoledì sera non avevo febbre. Ricordo inoltre che lo stesso giorno sono stato al Senato dove viene misurata la temperatura più volte nel corso della giornata. Unico sintomo aspecifico, bruciore agli occhi e successiva perdita del gusto. Febbricola comparsa il giovedì mattina e febbre il pomeriggio. Comprendo il disappunto della dottoressa Sciarelli che non ha potuto svolgere la sua trasmissione, ma tengo a sottolineare che abbiamo sempre mantenuto le distanze di sicurezza con tutti i presenti in studio”.

La controreplica di Federica Sciarelli non si è fatta attendere e la conduttrice in diretta ha aggiunto: “Parla di disappunto mio perché non ho potuto fare la trasmissione. Sì, noi ci teniamo tantissimo perché tentiamo di fare servizio pubblico, ma il disappunto non era per questo. Era in generale perché abbiamo capito che se tu chiami la Asl, la Asl ti dice che devi stare quattordici giorni a casa in isolamento precauzionale. Dice di non essere stato contattato dalla Asl di competenza. Non sappiamo se sia competenza della Rai guardare le trasmissioni, nel nostro caso siamo stati noi ad avvisarli. Per quanto riguarda il fatto che non aveva avvertito chi ha avuto contatti con lui non scrive niente. Io sono stata avvertita da Giovanna Botteri. Nessuna polemica personale perché sono momenti talmente drammatici in cui il problema è solo specificare sempre che le regole vanno rispettate da tutti. Ci si deve lavare le mani, tutti devono stare attenti perché questa è una guerra terribile”. Nell’insolita programmazione al giovedì Chi l’ha visto? ha ottenuto 1.270.000 telespettatori con il 4,7% di share.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, Salvini a Formigli: “Perché non sono venuto da voi per tre anni? La sua trasmissione non è campionessa di obiettività e imparzialità”

next
Articolo Successivo

Sono le Venti (Nove), dalle differenze tra modello veneto e lombardo agli interventi contro la crisi. Rivedi il programma di Peter Gomez

next