Il coronavirus non risparmia il mondo del calcio, il giocatore della Juventus Paulo Dybala e i “milanisti” Paolo e Daniel Maldini sono positivi. Tutti e tre stanno bene. L’argentino numero 10 ha personalmente annunciato sui social la sua condizione: “Ciao a tutti volevo informarvi che abbiamo appena ricevuto i risultati del test Covid-19, e sia io che Oriana (la sua fidanzata ndr) siamo risultati positivi”. L’attaccante ha anche rassicurato tifosi e appassionati: lui e la fidanzata stanno bene. “Paolo e Daniel sono in buone condizioni e, dopo aver già trascorso oltre due settimane nella propria abitazione senza contatti esterni, come previsto dai protocolli medico-sanitari prolungheranno – si legge in una nota- la quarantena per i tempi necessari alla completa guarigione clinica

L’annuncio dell’argentino è arrivato anche dalla società che ha precisato che Dybala è in isolamento domiciliare dallo scorso 11 marzo. Anche la Juve ha confermato che l’argentino sta bene ed è completamente asintomatico. Dybala è il terzo calciatore bianconero a risultare positivo dopo Rugani e Matuidi. Il calciatore proprio negli ultimi giorni, caratterizzati dalla fuga di big come Higuain o Cristiano Ronaldo all’estero, aveva annunciato l’intenzione di voler rimanere a Torino: “Qua non c’è una squadra di calcio, squadra politica o diversità di giornali – aveva scritto su Instagram- qui siamo tutti un’unica squadra e penso che tutti dobbiamo lottare insieme. Dobbiamo fare tutto quello che ci dicono, sono un po’ ripetitivo, ma penso che il consiglio che vi posso dare è quello che sto facendo io e che sicuramente dovremo fare tutti: restare a casa. È il messaggio che si sta mandando tantissimo via social, è la cosa più importante”.

Il numero dieci della Juventus è il quattordicesimo calciatore di serie A ad aver contratto il coronavirus. Erano risultati positivi ai test nei giorni scorsi sette calciatori della Sampdoria (Gabbiadini, Colley, Ekdal, La Gumina, Thorsby, Depaoli, Bereszynsky) 3 della Fiorentina (Vlahovic, Cutrone e Pezzella) e 1 del Verona (Zaccagni).
Una positività, quella di Dybala, che arriva mentre monta la polemica relativa alla ripresa degli allenamenti: con il Napoli che ha annunciato un po’ a sorpresa che i calciatori scenderanno in campo a Castelvolturno mercoledì prossimo e Lotito che spingeva per far ritornare al lavoro la Lazio già da lunedì (ma la data della ripresa probabilmente slitterà) con misure di sicurezza aggiuntive: contrari alla ripresa gli altri club di serie A e soprattutto l’Assocalciatori con Tommasi.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Ti ricordi… il paraguaiano Neffa: secondo Boniperti doveva essere il nuovo Maradona, ma non sfondò e lasciò il calcio per amore

next
Articolo Successivo

Carlo Parola e quella rovesciata rimasta nella storia: dalla Juventus alle figurine, storia di ‘Gauloise’ a 20 anni esatti dalla morte

next