Come è gestita nelle vostre città l’emergenza Coronavirus? Come si comportano le autorità e i cittadini? E nelle vostre vite, c’è qualche aspetto positivo o inatteso nell’isolamento forzato? Abbiamo chiesto ai nostri Sostenitori di raccontarcelo, inviando testimonianze, osservazioni e spunti per la redazione al Blog Sostenitore. Mai come stavolta il contributo della nostra comunità è fondamentale: con il Paese in zona rossa, ogni segnalazione è importante. Abbiamo bisogno di voi. Sosteneteci: se non siete ancora iscritti, ecco come potete farlo.

di Gabriella Liberatore, docente

Ammettiamolo: non è facile raggiungere un livello diffusamente rispettoso delle misure necessarie per frenare il contagio. La cittadinanza è un vincolo morale che mai come adesso ci dimostra come il suo contrario non sia semplicemente riconducibile all’essere uno straniero. Cittadinanza è l’adesione ad uno statuto di regole, anche quelle non scritte, che chiama in causa ognuno di noi. Cittadinanza è rispetto dell’altro, generosità sociale, la stessa che oggi impone una salvifica distanza di sicurezza, e che domani auspico diventi il punto di partenza dei nostri orizzonti. Ci insegni a guardare a partire da un metro e mezzo da noi!

Capiremo con il tempo se la nostra esperienza bellica lascerà una fruttuosa eredità tale da modificare il nostro approccio alla vita e a tutte quelle conquiste date per scontate. Voglio crederci e sperare che, quando tutto questo sarà finito, ognuno si senta più responsabile dell’altro, perché è più che mai verificato che nessuno si salva da solo.

Dall’esplosione del contagio nel lodigiano, una chat di compagni di scuola, attiva quasi solo per il buongiorno, si è trasformata in una novella Radio Londra. In prima linea un’amica, operatrice sanitaria al fronte.

Forse fanno sorridere queste espressioni, come hanno fatto sorridere me e gli altri compagni, nei giorni immediatamente successivi al 22 febbraio. A partire da quel giorno, un vero e proprio bollettino di guerra, intervallato da video esilaranti e messaggi vocali sdrammatizzanti, ha instillato nella nostra piccola comunità virtuale crescente consapevolezza delle proporzioni dell’emergenza, della imprescindibilità del restare in casa – sostanziando l’hashtag – e soprattutto del letterale sacrificio di donne e uomini, anche giovani, la cui vita è posposta alla cura di tutti noi.

E non nego quel subdolo senso di colpa che, forse, è riuscito a far trovare le parole che cercavo da giorni, ma che faticavano a trasformarsi in un pensiero compiuto. Senso di colpa, sì. Di chi, come me, può lavorare da casa e mettersi al riparo dal contagio. Senso di colpa per quanti non hanno ancora capito che sembra agosto ma non lo è. Senso di colpa per i tanti evasori che avrebbero potuto assicurare più posti letto e ventilatori.

Come le ho promesso, riporto uno dei tanti messaggi con cui ci sta raccontando questo che forse stentiamo ancora a crederlo un vero dramma: “…mi viene da piangere…ragazzi caduti sul campo…questa è guerra raga…ci salviamo se ci salvate voi”.

C’è una pretesa che, però, dovremmo tutti avanzare. Personalmente, me ne assumo tutta la responsabilità. L’organizzazione consolidata dei sistemi di governance, soprattutto di settori vitali e indispensabili, deve essere ripensata, destrutturata, se non forse rovesciata. È la base che ci sta salvando la vita, non il vertice.

Il blog Sostenitore ospita i post scritti dai lettori che hanno deciso di contribuire alla crescita de ilfattoquotidiano.it, sottoscrivendo l’abbonamento Sostenitore e diventando membri del Fatto social club. Tra i post inviati Peter Gomez e la redazione selezioneranno quelli ritenuti più interessanti. Questo blog nasce da un’idea dei lettori, continuate a renderlo il vostro spazio. Se vuoi partecipare sottoscrivi un abbonamento volontario. Potrai così anche seguire in diretta streaming la riunione di redazione, mandandoci in tempo reale suggerimenti, notizie e idee, sceglierai le inchieste che verranno realizzate dai nostri giornalisti e avrai accesso all’intero archivio cartaceo.
Memoriale Coronavirus

Che c'è di Bello - Una guida sulle esperienze più interessanti, i trend da seguire e gli eventi da non perdere.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, stasera telefona a un leghista e digli che gli vuoi bene!

next
Articolo Successivo

Il virus ci mette a un bivio: proseguire come automi o prenderci cura del fattore umano

next