“Classe operaia? Esiste in tutti i settori vitali. Operai hanno un corpo, non sono algoritmi. Si possono ammalare e trasmettere il contagio alle loro famiglie. Ma sono gli unici, mentre noi non stiamo a casa, che devono uscire, altrimenti la vita si ferma”. È la riflessione che il sociologo Marco Revelli ha fatto in collegamento con Sono le Venti, il programma di informazione condotto da Peter Gomez sul Nove. Revelli stava commentando le proteste dei lavoratori, che in molti zone d’Italia si sono mobilitati per chiedere maggiori misure di sicurezza. “I compromessi tra lavoratori e aziende si può trovare, purché non si sacrifichi sempre una parte. In questo caso la parte dei lavoratori, che fanno bene a far sentire la propria voce”

SONO LE VENTI, il nuovo programma di Peter Gomez, è prodotto da Loft Produzioni per Discovery Italia e sarà disponibile anche su Dplay (sul sito www.it.dplay.com – o scarica l’app su App Store o Google Play) e su sito www.iloft.it e app di Loft. Nove è visibile al canale 9 del Digitale Terrestre, su Sky Canale 149 e Tivùsat Canale 9

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Coronavirus, protesta dei lavoratori di un supermercato a Torino: “Non abbiamo mascherine”. Cgil: “Domenica tutti a casa”

next
Articolo Successivo

Scuole chiuse, senza stipendio migliaia di educatori e operatori sociali. Il governo non dimentichi il Terzo settore

next