George Romero, Steven Soderbergh, Danny Boyle, Ubaldo Ragona scansatevi. Ci sono i corti dalla quarantena. Si chiama Lockdown – Corti in Quarantena ed è minifestival estemporaneo ideato da Pigneto Film Festival e da CICI Film Festival, anche se rimane una call aperta a livello organizzativo verso tutti i festival italiani che vogliono aderire al progetto. Il contest, assolutamente non competitivo, prevede il classico breve video, ci tengono dall’organizzazione a sottolineare che sia “originale”, dove viene raccontata la propria esperienza in quarantena in modo da “creare una memoria audiovisiva indelebile di questi tempi unici e speriamo irripetibili”.

Può partecipare chiunque senza limiti di età e nazionalità e soprattutto si può spaziare dalla finzione al documentario, dall’animazione alla forma del videoclip musicale. Durata massima del corto 3 minuti, quindi astenersi Tarkovsky&co. La proiezione pubblica dei corti più interessanti ed emblematici verranno proiettati al Pigneto Film festival. Comunque meglio fare in fretta. La scadenza per l’invio è il 3 aprile 2020. Anche solo per l’ottimismo sulla fine della quarantena quelli di Lockdown andrebbero inondati di cortometraggi.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Imperdonabili – Fabrizio Parrini, nella sua poesia una ferita esistenziale. Lo scrittore è un esiliato

next
Articolo Successivo

#NonFermareIlPensiero, la campagna Paper First per dare un senso a questo stop

next