Instagram è sicuramente uno dei social più famosi al mondo, ma per la sua natura eminentemente visuale, a differenza di Twitter e Facebook, non si è mai schierata apertamente rispetto ai temi politici e agli eventi di attualità. Tuttavia stavolta farà un’eccezione per il coronavirus. Come riportato alla testata TechCrunch da un portavoce dell’azienda, Instagram ha deciso per la prima volta di sfruttare la propria popolarità per offrire consigli sul coronavirus e su come rimanere al sicuro durante la pandemia.

Le nuove indicazioni non saranno mostrate ovunque, ma solo in quelle zone del mondo particolarmente interessate dalla pandemia, tra cui ,ovviamente, il nostro Paese. In particolare, verrà visualizzato un avviso nella parte superiore del feed con un collegamento alle informazioni dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) o delle autorità sanitarie pubbliche locali. Al momento in cui scriviamo questa notizia il servizio appare già attivo, con un link che rimanda al sito ufficiale del Ministero della Salute.

Ma Instagram ha deciso di non fermarsi qui e di combattere anche la disinformazione ormai dilagante sul Covid-19. L’azione di contrasto sarà svolta contestualmente alla tipologia di contenuti veicolati da un social come Instagram, ovvero nascondendo tutti gli effetti di realtà aumentata correlati al coronavirus che non siano stati realizzati con l’aiuto di organizzazioni sanitarie conosciute ed affidabili. Instagram comunque controlla già le informazioni false sul coronavirus ed elenca le fonti di salute ufficiali in cima ai risultati di ricerca. Instagram ha oltre 1 miliardo di utenti attivi mensili, quindi anche piccoli gesti come questi possono avere un impatto notevole.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Coronavirus, Apple riapre i negozi in Cina e combatte le fake news: niente più app “non ufficiali” che parlano di Covid-19 nello store

next
Articolo Successivo

Samsung Galaxy A11, ufficiale il nuovo smartphone economico del colosso sudcoreano

next