“Stop ai servizi di consegna e reddito garantito per per i rider lasciati a casa”. È l’appello lanciato dai rider torinesi del collettivo Deliverance Project al Presidente del Consiglio Giuseppe Conte. Da giorni continuano a consegnare cibo d’asporto per la città senza protezioni. Vorrebbero fermarsi, ma in tanti non riescono: “Io vorrei fermarmi ma non posso – racconta una di loro – perché devo pagare l’affitto e perché con il sistema del ranking (cioè un punteggio dato da disponibilità, numero di consegne e velocità ndr.), se rinuncio a due settimane, rischio l’azzeramento del mio punteggio e per me sarà impossibile ritornare a lavorare”. Intanto davanti ai pochi ristoranti aperti, si creano dei capannelli poco sicuri per i rider stessi che sono costretti ad aspettare fino a due ore per ricevere il cibo da trasportare. “Non vogliamo ricatti tra salute e lavoro – spiegano i rider – l’emergenza sanitaria non la possono pagare le categorie meno tutelate e ai margini della società”.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, Galli: “Sì a test ad asintomatici, Lombardia faccia come Vo’ Euganeo”. Nel Comune ora zero contagi. Spallanzani studia tamponi rapidi

next
Articolo Successivo

Coronavirus, dalla consegna a domicilio di spesa e farmaci al pagamento delle bollette: un Comune in Brianza aiuta così gli anziani soli

next