Complessivamente, il 62% degli intervistati ritiene “efficaci” le misure adottate dal governo per contenere la diffusione del contagio (bocciate però dagli elettori dei partiti di centrodestra) e quasi un intervistato su due (il 47%) ha un giudizio “positivo” della leadership di Giuseppe Conte, il cui gradimento è cresciuto di 4 punti percentuali in un mese, dal 48% al 52%. Questo il quadro che emerge dal sondaggio realizzato da Ipsos per il Corriere della Sera. La metà degli italiani, inoltre, pensa che in questi giorni tutti i leader politici hanno fatto uno sforzo comune per affrontare l’emergenza.

La consapevolezza del rischio di essere contagiati è passata dal 22% a più del doppio, il 48%. E oltre la metà (53%) considerano la malattia una minaccia per la propria famiglia, il 62% per la propria comunità locale e la propria città, l’86% per l’intero Paese e l’82% per il mondo intero. Il rischio percepito per la propria persona, scrive il Corriere, accomuna trasversalmente le diverse aree geografiche (crescendo al Centro-Sud), le diverse generazioni (anche i giovani) a prescindere dal livello di istruzione.

Giudizio sull’operato di Giuseppe Conte In media, il 47% degli italiani ha un giudizio “positivo” della leadership e delle strategie messe in atto dal presidente del Consiglio, percentuale che varia sensibilmente in base all’appartenenza politica degli intervistati. Giudizio favorevole per l’87% di chi vota Pd e per l’85% di chi vota M5S – le forze di maggioranza – ma solo per il 26% di chi vota Lega e per il 28% degli appartenenti alle opposizioni di centrodestra, Forza Italia e Fratelli d’Italia, che nel complesso quindi ne danno una valutazione fortemente negativa. Intanto, l’indice di gradimento del premier Conte è cresciuto al 52%: a febbraio era al 48%.

Percezione dell’efficacia delle misure – Complessivamente, il 62% degli intervistati ritiene “efficaci” le misure adottate dal governo per contenere la diffusione del contagio. In particolare, quasi la metà (48%) le ritiene “abbastanza efficaci” e il 14% “molto efficaci”. Il 32% al contrario non è soddisfatto: il 25% le ritiene “poco” efficaci e il 7% per nulla. Analizzando il giudizio che hanno gli elettori dei singoli partiti, emerge che gli elettori del Pd hanno il giudizio più favorevole: l’83% approva le misure, seguiti dai pentastellati (75%), contro il 51% di chi vota Lega, il 53% di chi vota il partito della Meloni o di Berlusconi.

Sforzo comune – Secondo un intervistato su due (51%), in questi giorni in Italia tutti i leader politici hanno fatto uno sforzo comune per affrontare l’emergenza. Dovendo indicare i nomi di chi, al contrario “ha fatto prevalere il proprio interesse” emergono, nell’ordine, Matteo Salvini (12%) Giorgia Meloni (7%) e Matteo Renzi (5%). Secondo il 14% degli intervistati, tutti i politici hanno curato i propri vantaggi a discapito dell’interesse comune.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, Luca Lotti positivo: “Rispettate regole, ma il Covid-19 è micidiale. Sto bene, voi restate a casa”

next
Articolo Successivo

Sono le Venti (Nove), De Magistris: “Inaudito che non ci siano mascherine. Paese crolla? Colpa della cattiva politica che ha smantellato sanità”

next