Come è gestita nelle vostre città l’emergenza Coronavirus? Come si comportano le autorità e i cittadini? E nelle vostre vite, c’è qualche aspetto positivo o inatteso nell’isolamento forzato? Abbiamo chiesto ai nostri Sostenitori di raccontarcelo, inviando testimonianze, osservazioni e spunti per la redazione al Blog Sostenitore. Mai come stavolta il contributo della nostra comunità è fondamentale: con il Paese in zona rossa, ogni segnalazione è importante. Abbiamo bisogno di voi. Sosteneteci: se non siete ancora iscritti, ecco come potete farlo.

di Sandy Fiabane

La principale difficoltà di queste giornate è fare i conti con se stessi. Molti si scoprono più abitudinari di quanto avrebbero mai ammesso: io lo sono sempre e consapevolmente stata, pur senza cadere nell’eccesso.

Oggi per me è giorno di smartworking. Sono assistente in banca, ho sbrigato le ultime commissioni in ufficio ieri e stamattina lotto con l’hot spot per sperare in una connessione che mi permetta di lavorare. Sono fortunata, ho lavorato nei bar per oltre dieci anni (e fino a pochi mesi fa) e perdere gli incassi anche solo del fine settimana è dura, non immagino di molti giorni: in tempi migliori, ricordiamoci di sostenere noi per primi, più fortunati, chi incontrerà difficoltà economiche.

Insomma, spenderemo qualcosa in più in favore di commercianti locali e ristoratori? L’e-commerce potrà attendere.

Io mi muovo praticamente solo per far camminare il cane, i cui bisogni fisiologici e di uscita sono essenziali. Stamattina ho visto i miei nipoti in videochiamata, di cui la piccola di sei mesi piuttosto sconcertata davanti al telefono: si dà per scontata la presenza di amici e familiari nella nostra vita, finché qualcosa di superiore a noi ci impone altrimenti.

Non ho riscoperto la lettura in questi giorni semplicemente perché non l’ho mai abbandonata: inoltre scrivo, faccio pilates, mi alleno come posso tra il divano e il tavolo e ascolto musica. Mi mancano lo sport all’aperto e le camminate in montagna: vivo tra le Dolomiti, ma riprendere sarà ancora più stimolante. Ieri, in compenso, ho disinfettato le superfici principali e se c’è una cosa che riscopro è il vantaggio di vivere in un bilocale: meno fatica a tenerlo pulito!

Mi tengo informata, come sempre, ma nemmeno in situazioni così particolari viene meno un senso di sconcerto alla lettura delle dichiarazioni di politici o presunti tali, nostrani e non: mai che si riesca a unirsi seriamente superando il proprio interesse in nome di uno maggiore. Per cui ho realmente apprezzato l’articolo di Marco Lillo di ieri sul Fatto: tutti abbiamo delle colpe e tutti siamo coinvolti in prima linea a dare il nostro contributo, nella convinzione che la nostra democrazia sarà altrettanto efficace della stretta autoritaria imposta altrove.

Il blog Sostenitore ospita i post scritti dai lettori che hanno deciso di contribuire alla crescita de ilfattoquotidiano.it, sottoscrivendo l’abbonamento Sostenitore e diventando membri del Fatto social club. Tra i post inviati Peter Gomez e la redazione selezioneranno quelli ritenuti più interessanti. Questo blog nasce da un’idea dei lettori, continuate a renderlo il vostro spazio. Se vuoi partecipare sottoscrivi un abbonamento volontario. Potrai così anche seguire in diretta streaming la riunione di redazione, mandandoci in tempo reale suggerimenti, notizie e idee, sceglierai le inchieste che verranno realizzate dai nostri giornalisti e avrai accesso all’intero archivio cartaceo.
Memoriale Coronavirus

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Successivo

Coronavirus, il videomessaggio delle suore di Castano Primo fa il giro del web: “Andrà tutto bene. La messa? C’è, collegatevi su Facebook”

next