“Il mestiere dell’attrice” è il titolo della quarta Loft Masterclass, il format ideato da Matteo Forzano con la collaborazione di Matteo Billi e pubblicato in esclusiva su sito e app di Loft, dopo “Professione pilota” in cui Silvia D’Onghia ha intervistato Gianluca Fisichella, “Parola al vino” di Nicola Prudente, in arte Tinto e “Arte e democrazia” di Tomaso Montanari. Protagonista è Donatella Finocchiaro: “Spesso mi viene chiesto come si fa a diventare attori – spiega l’attrice catanese – Io dico sempre che bisogna salire sul treno giusto al momento giusto con un bagaglio di talento e studio. Non c’è una strada univoca perché si tratta di un mestiere che si deve sempre sperimentare sul luogo: sul palcoscenico, sul set in base ai ruoli e ai personaggi“. L’esordio della Finocchiaro risale al 1996: “Era un momento di caos perché io studiavo per diventare avvocato, ma avevo iniziato anche la scuola di teatro – racconta l’interprete – Per diversi anni ho fatto entrambe le cose, ma il teatro riempiva un vuoto dovuto a un periodo di crisi in seguito a una grande delusione amorosa e ne ho subito percepito la magia“. L’incontro con il cinema avviene tramite la regista Roberta Torre e il ruolo di Angela nel film omonimo: “Mi chiedevo come avrei fatto a interpretare un personaggio così duro, una spacciatrice in un contesto mafioso, ma mi rendevo conto che si trattava dell’occasione della mia vita essendo, fino a quel momento una sconosciuta”. Un altro incontro fondamentale avviene con il regista Marco Bellocchio: “Rispetto A Roberta Torre che mi aveva spinto a improvvisare e ad affidarmi all’istinto, con lui si trattava di uno studio psicologico del testo e del sottotesto: un approccio diverso, ma complementare rispetto alle mie esperienze passate”. E poi le esperienze con Edoardo Winspeare in “Galantuomini”, con Emanuele Crialese in “Terraferma”, con Emma Dante (per un film che deve ancora uscire, “Le sorelle Macaluso”, ndr), con Woody Allen, Carlo Verdone e Giovanni Veronesi: “Un incontro con dei veri maestri in cui ogni volta si è costruito un importante rapporto umano”, racconta l’attrice ripercorrendo le tappe della sua carriera.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Carta Canta, Marco Travaglio su Loft: “Consip, i giornali nascondono le notizie non gradite a Tiziano Renzi&Co”

next
Articolo Successivo

Accordi&Disaccordi (Nove), venerdì 28 febbraio alle 22.45 tornano Andrea Scanzi e Luca Sommi con la partecipazione di Marco Travaglio

next