L’emergenza coronavirus in tre regioni del Nord – Lombardia, Veneto e Piemonte – ha portato il ministero della Salute, guidato da Roberto Speranza, a emettere un’ordinanza con data 22 febbraio 2020 in cui si specificano le modalità della quarantena prevista per coloro che sono entrati in contatto con persone contagiate e chi è rientrato dalla Cina nelle ultime due settimane.

“È fatto obbligo alle autorità sanitarie territorialmente competenti di applicare la misura della quarantena con sorveglianza attiva, per giorni quattordici, agli individui che abbiano avuto contatti stretti con casi confermati di malattia infettiva diffusiva COVID-19“. Misura che quindi, al momento riguarda, la zona del focolaio individuato nel Lodigiano con i cittadini di Codogno, Castiglione d’Adda e Casalpusterlengo, a restare in casa.

Nell’ordinanza inoltre “è fatto obbligo a tutti gli individui che, negli ultimi quattordici giorni, abbiano fatto ingresso in Italia dopo aver soggiornato nelle aree della Cina interessate dall’epidemia, come identificate dall’Organizzazione mondiale della sanità, di comunicare tale circostanza al Dipartimento di prevenzione dell’azienda sanitaria territorialmente competente. Acquisita la comunicazione di cui al comma 2, l’Autorità sanitaria territorialmente competente provvederà all’adozione della misura della permanenza domiciliare fiduciaria con sorveglianza attiva ovvero, in presenza di condizione ostative, di misure alternative di efficacia equivalente”. La misura quindi riguarda chi è rientrato dalla zona focolaio dell’Hubei, anche se il paziente indice – il manager che potrebbe aver infettato il 38enne di Codogno in gravi condizioni – era rientrato il 21 gennaio da Shanghai.

Per la quarantena sono due le strutture militari in Lombardia che potrebbero essere utilizzate in caso di necessità: l’ospedale militare di Milano-Baggio e a Piacenza. Si attende “l’ok del governo” come ha spiegato il governatore della Lombardia Attilio Fontana.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, diario dall’isolamento – “Sulle chat delle mamme circolano nomi di pediatri positivi al test. L’ansia c’è e non si nasconde”

next
Articolo Successivo

Coronavirus, Zaia: “Chiudere manifestazioni? Aspettiamo linee guida nazionali che abbiamo chiesto. Preoccupato ma gestione sia perfetta”

next