Le indagini sono scattate quando in uno dei corsi che svolgeva, obbligatori per i dipendenti di un’impresa, era emersa la sua scarsa preparazione, in particolare, sul “rischio chimico”. Ed è così che si è scoperto che un uomo da 25 anni, ossia dalla metà degli anni ’90, svolgeva corsi di formazione sulla sicurezza nei luoghi di lavoro per molte aziende, in particolare ristoranti e pasticcerie, senza neanche essere diplomato. Il 70enne era molto stimato a Milano in questo settore ma ora è indagato per sostituzione di persona.

Le indagini dell’Agenzia tutela della salute e della polizia giudiziaria del dipartimento ambiente, salute, sicurezza, lavoro guidato dal procuratore aggiunto Tiziana Siciliano, hanno permesso di scoprire che l’uomo non aveva titoli, ma solo un diploma di terza media. Nessuna delle aziende per le quali sono stati effettuati i corsi non regolari ha presentato denuncia per truffa nei suoi confronti. L’uomo, che faceva anche il consulente per la valutazione del rischio e il ‘responsabile del servizio prevenzione e protezione’ per le aziende, incassava due o tremila euro all’anno dalla ventina di imprese per cui lavorava.

Nessuna delle aziende – che a questo punto dovranno mettersi in regola sulla formazione dei lavoratori, perché i corsi per i dipendenti effettuati andranno organizzati di nuovo con personale preparato e abilitato – ha, però, deciso di presentare al momento denunci. Le indagini si concentreranno, ad ogni modo, sul periodo che va dal 2014 in poi, perché il resto delle contestazioni risulterebbe prescritto.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Tassista aggredito a Roma, convalidato l’arresto per 25enne. La vittima: “Sono stati 40 minuti di terrore”

next
Articolo Successivo

Sorteggio per tra 90 candidati per assegnare 22 posti da netturbini. La ditta: “Esigenze di ordine pubblico”

next