La Cassazione ha annullato l’ordinanza del Tribunale della Libertà con cui si disponevano gli arresti domiciliari a carico di Demetrio Naccari Carlizzi, ex vicesindaco di Reggio Calabria ed ex assessore regionale, a seguito dell’operazione ‘Libro Nero’ in cui Naccari è indagato con l’accusa di avere favorito la cosca Libri.

Già nella fase preliminare il gip distrettuale aveva rigettato l’originaria richiesta di custodia cautelare in carcere della Dda di Reggio Calabria, che per questo aveva presentato ricorso al Tribunale della libertà. Il collegio, in attesa della decisione del ricorso in Cassazione contro la richiesta della Procura, depositato dai difensori di Naccari Carlizzi, gli avvocati Natale Polimeni e Giuseppe Mazzotta, aveva accolto il ricorso della Dda e posto Naccari ai domiciliari fino al pronunciamento della Suprema Corte.

“In Cassazione – ha dichiarato l’avvocato Polimeni – abbiamo illustrato la tesi difensiva incentrata sull’assoluta inesistenza di una condotta capace di integrare, anche minimamente, l’ipotesi contestata, tesi accolta con l’annullamento dell’ordinanza del Tribunale della Libertà. Siamo contenti di questo ulteriore risultato difensivo che sono certo consentirà di dimostrare l’agire limpido e cristallino del Naccari e l’inesistenza di qualunque condizionamento di forze criminali di cui, per come si è dimostrato, egli è rimasto invece vittima finanche con danno”. Nell’inchiesta ‘Libro Nero’, sono coinvolte a vario titolo 18 persone, tra le quali l’ex vicepresidente del Consiglio regionale della Calabria, Alessandro Nicolò, prima di Forza Italia e successivamente transitato in Fratelli d’Italia, partito da cui è stato espulso, allo stato detenuto con l’accusa di associazione mafiosa.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Omicidio Vannini, da ministro Bonafede azione disciplinare per pm che ha seguito il caso: “Provocato ingiusto danno ai genitori”

next
Articolo Successivo

Camorra, annullata con rinvio la condanna a 11 anni per l’avvocato accusato di essere il ‘postino’ dei Casalesi

next