“Professione: pilota” è il titolo della prima ‘Loft Masterclass’, che apre la seconda stagione del format ideato da Matteo Forzano con la collaborazione di Matteo Billi e pubblicato in esclusiva su sito e app di Loft. Protagonista è l’ex pilota di Formula Uno Giancarlo Fisichella intervistato dalla giornalista de Il Fatto Quotidiano Silvia D’Onghia. “La passione per i motori mi è stata trasmessa da mio papà, che era un grande appassionato di Formula 1 e aveva anche un’officina – racconta l’ex campione romano – Già a 8 anni, quando ho cominciato a guidare i go-kart, sognavo di diventare un pilota“. Fisichella, nel primo capitolo della ‘Loft Masterclass’ racconta i suoi primi passi, tutta la gavetta necessaria per arrivare al traguardo: a 12 anni fa gare in tutta Italia con i kart, a 14 viaggia da solo fuori dai confini nazionali, a 16 diventa pilota ufficiale di una casa costruttrice di telai e motori e da lì inizia il vero percorso professionistico. A 19 anni esordisce in Formula 3 e ci resta per tre anni finché a 22 anni firma un contratto molto importante con la Alfa Romeo. L’occasione di tutta una vita arriva quasi per caso l’anno seguente quando Fisichella diventa terzo pilota della Minardi in Formula 1: “Dieci giorni prima del Gran Premio in Australia ricevo la telefonata che mi comunica che avrei corso, nonostante in quel momento fossi solo un test driver: mi sembrava di essere in un sogno“. La seconda parte della ‘Loft Masterclass’ si concentra su una domanda: come si diventa piloti oggi? “Si comincia sui kart – risponde Fisichella – Bisogna cercare sponsor, cominciare molto presto sia la preparazione fisica in palestra, sia l’apprendimento della lingua inglese per entrare nei team giovanili della Formula 1, che aiutano economicamente i giovani ad andare avanti ed emergere”. Infine, l’ultima parte del format si chiede quale sia il futuro della Formula 1: “Adesso ci si sta concentrando sull’ibrido, c’è anche una nuova categoria come la Formula E che è tutta elettrica – spiega l’ex pilota – ma la Formula 1 deve rimanere tale e far cantare il motore“.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

La Confessione (Nove), Paolo Brosio a Peter Gomez: “Antonio Di Pietro? Sbagliò a lasciare la toga, mi ha deluso”

next
Articolo Successivo

Carta Canta, Marco Travaglio su Loft: “Ecco i trucchi degli avvocati dei potenti per arrivare alla prescrizione”

next