Cresce la tensione a Wuhan, la città da cui è partito il coronavirus. Il sistema ospedaliero è in tilt e i pazienti si accalcano nei corridoi degli ospedali, ormai al collasso. Il bilancio ufficiale delle vittime è salito a 80 persone, e sono oltre 2300 i casi di contagio confermati in tutta la Cina. Oggi il premier cinese Li Keqiang è in visita a Wuhan, dove ha incontrato il personale medico e i pazienti ricoverati. Intanto Hong Kong, Giappone e Mongolia si preparano a far rientrare in patria i concittadini presenti nella provincia di Hubei

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, salgono a 81 i morti, quasi 3mila contagi. L’Oms ammette: “Rischio globale elevato, errore nei precedenti rapporti”

next
Articolo Successivo

Afghanistan, aereo precipita in area controllata dai talebani. Pentagono: “È un velivolo Usa”

next