Cresce la tensione a Wuhan, la città da cui è partito il coronavirus. Il sistema ospedaliero è in tilt e i pazienti si accalcano nei corridoi degli ospedali, ormai al collasso. Il bilancio ufficiale delle vittime è salito a 80 persone, e sono oltre 2300 i casi di contagio confermati in tutta la Cina. Oggi il premier cinese Li Keqiang è in visita a Wuhan, dove ha incontrato il personale medico e i pazienti ricoverati. Intanto Hong Kong, Giappone e Mongolia si preparano a far rientrare in patria i concittadini presenti nella provincia di Hubei

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, salgono a 81 i morti, quasi 3mila contagi. L’Oms ammette: “Rischio globale elevato, errore nei precedenti rapporti”

next
Articolo Successivo

Afghanistan, aereo precipita in area controllata dai talebani. Pentagono: “È un velivolo Usa”

next