Tensione a Milano, in galleria Vittorio Emanuele, tra un commerciante e uno degli ambientalisti che ha partecipato al flash mob di Legambiente, Wwf e Fridays for Future per chiedere al sindaco Beppe Sala un’ordinanza che obblighi i negozianti a chiudere le porte dei propri locali. La lite tra i due è nata quando il commerciante si è rivolto al manifestante con un “non avete un cazzo da fare?” e quest’ultimo, in tutta risposta, ha provato a chiudergli la porta del negozio, provocando la sua reazione.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

MANI PULITE 25 ANNI DOPO

di Gianni Barbacetto ,Marco Travaglio ,Peter Gomez 12€ Acquista
Articolo Precedente

Taser, via libera del Consiglio dei ministri: la pistola elettrica entra nelle dotazioni delle forze di Polizia

next
Articolo Successivo

Piacenza, il quadro trovato nel giardino della Galleria è un Klimt scomparso vent’anni fa: la tela è autentica

next