È lotta all’inciviltà in via Epomeo a Napoli. I residenti della zona, stanchi di vedere le auto parcheggiate ovunque lungo la strada, hanno inventato la “multa morale“. E l’idea, come riporta Il Giornale, ha già trovato il consenso di molti: ha ottenuto il patrocinio dell’assessorato alla Cultura e al Turismo di Napoli e il sostegno di una tipografia che si è offerta di stampare le “contravvenzioni virtuali”. Sull’iniziativa è intervenuto anche il consigliere regionale e componente della commissione sanità Francesco Emilio Borrelli: “La multa morale è un ammonimento per tutti quegli automobilisti che sostano in doppia fila, sulle strisce e sulle discese pedonali, sul marciapiede o in un’area dedicata alle persone invalide. È un’iniziativa lodevole, che mette gli incivili di fronte alla loro coscienza“.

Lo scopo dell’idea è anche quello di risolvere un grave problema in quartiere: negli ultimi mesi, infatti, per colpa della sosta selvaggia sempre più mezzi di soccorso rimangono bloccati nei vicoli del centro storico di Napoli. Come è successo in vico Avallone, dove la scena è stata ripresa da un cittadino che ha inviato poi il video a Borrelli che ha commentato: “Una vera e propria vergogna. Mentre gli incivili vanno a fare i propri comodi c’è un paziente che resta in attesa dei soccorsi rallentati dalle manovre o, in alcuni casi, dal completo blocco dei mezzi di soccorso”.

Foto dal profilo Facebook del gruppo “Quelli di via Epomeo”

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Belice, da cinquant’anni la ricostruzione prosegue. Anche se sullo Stato è meglio non far conto

next
Articolo Successivo

Roma, falso allarme bomba nella sede di Repubblica: evacuato il palazzo, giornalisti in strada per un’ora

next