Resistenza. È il filo conduttore del documentario #Liguria, il quarto della serie Italia.Doc (dopo #Sardegna, #Lombardia e #Toscana) realizzato da Loft Produzioni e firmato da Matteo Billi, Pietro Barabino e Ferruccio Sansa, disponibile in esclusiva su www.iloft.it e su app Loft. Perché, come direbbe Fabrizio De Andrè, i liguri hanno sempre vissuto in direzione ‘ostinata e contraria’. È il destino di chi sta con il mare in fronte e i monti alle spalle. Così la gente di Liguria, diceva Italo Calvino, è sempre al confine tra desiderio di partire e bisogno di radici, tra apertura al mondo e chiusura in se stessi.

Ecco allora un documentario che racconta la Liguria di oggi senza filtri, con le parole dei suoi protagonisti. E non si poteva che partire dal mare, quello scuro del porto. Sono i camalli a raccontare l’altra Genova, città fatta di moli e non di strade. Il porto che è una delle più grandi industrie d’Italia, ma oggi soffre la concorrenza spietata dell’Oriente. Tra i moli si difende l’identità di Genova: lavoro, solidarietà, partecipazione. Resistenza, appunto. La stessa di Emmanuel Diaz, fratello di Henry, morto nel crollo del Morandi. Emmanuel viene dalla Colombia, è uno dei nuovi liguri. Ha deciso di restare a Genova perché “la vita e il destino hanno deciso di tenermi qui”.

Come gli operatori di San Marcellino che nel centro storico ogni giorno aprono la porta a persone sole, disperate, semplicemente povere. Tra i vicoli dove ogni notte si accendeva la luce della finestre di don Andrea Gallo – siamo stati anche lì, nella Comunità di San Benedetto – e dove da ragazzo camminava De Andrè. Quella che il poeta Giorgio Caproni raccontava così: “Genova di sentina/ Di lavatoio. Latrina/Genova di petroliera,/struggimento, scogliera”.

Genova, ma non solo. Ecco le Cinque Terre, così appese sugli scogli per resistere alle onde, ma anche alle colline che si sgretolano a ogni alluvione. Qui dove si tenta di immaginare un turismo che rispetti l’ambiente e non ceda al cemento. Quella tentazione che ha contaminato un po’ tutti: da destra a sinistra. E che ha permesso alla ‘ndrangheta di mettere radici nel Ponente ligure, tra Savona e Imperia. Ma qualcuno anche qui resiste, come Rolando Fazzari che arrivato dalla Calabria ha perso tutto – l’impresa, il figlio – pur di non farsi arruolare dalle mafie. Resistente.

E resistono gli ultimi abitanti dell’entroterra. Perché la Liguria è mare, ma ha origini anche nei monti, come Cristoforo Colombo che veniva dalle valli alle spalle del mare. Quei paesi dove oggi gli abitanti si contano sulle dita di una mano e non ci sono più bambini, né scuole, né medici. Ma qualcuno resta, ostinato e contrario.

Già, quel contrasto, quello stridore di pensieri e sentimenti da cui nascono poesia, musica, perfino comicità. Poche terre hanno dato quanto la Liguria: da Eugenio Montale a Camillo Sbarbaro, da De Andrè a Ivano Fossati. E poi Beppe Grillo e Maurizio Crozza. Fino ad Andrea Ceccon, ai Pirati dei Caruggi, che continuano quella scuola che sa ridere, magari a denti stretti, ma di se stessi.

Anche questa è resistenza. E non si poteva che arrivare a Savona, nella casa di Sandro Pertini. Qui si finisce o forse si ricomincia, mentre la Liguria ricostruisce il ponte e la propria identità. In questa terra medaglia d’oro alla Resistenza che oggi vota a destra, multa i clochard. E deve decidere cos’è.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

LA PROFEZIA DEL DON

di Don Gallo e Loris Mazzetti 12€ Acquista
Articolo Precedente

Accordi&Disaccordi (Nove), Luigi Di Maio ospite di Scanzi, Sommi e Travaglio venerdì 15 novembre alle 22.45

next
Articolo Successivo

Accordi&Disaccordi (Nove), Di Maio: “Salvini ‘cazzaro verde’ definizione utile. Difendeva Arcelor e Benetton anziché gli italiani”

next