La figlia ne aveva denunciato la scomparsa martedì mattina. Poi il 76enne Adolfo Ciammetti è stato trovato morto, in una pozza di sangue, nella sua azienda di infissi in zona Aurelio, a Roma. Nel pomeriggio il figlio trentottenne, che ha precedenti, ha confessato di averlo ucciso colpendolo alla testa con un martello. Sono in corso indagini della polizia sulla dinamica dell’accaduto.

Alla base dell’omicidio potrebbero esserci attriti familiari e questioni economiche.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Cinisi, a fuoco la pizzeria di Giovanni Impastato: si indaga per incendio doloso

next
Articolo Successivo

Foggia, agricoltore di 69 anni spara e uccide la vicina, ferisce la moglie e poi si suicida

next