La figlia ne aveva denunciato la scomparsa martedì mattina. Poi il 76enne Adolfo Ciammetti è stato trovato morto, in una pozza di sangue, nella sua azienda di infissi in zona Aurelio, a Roma. Nel pomeriggio il figlio trentottenne, che ha precedenti, ha confessato di averlo ucciso colpendolo alla testa con un martello. Sono in corso indagini della polizia sulla dinamica dell’accaduto.

Alla base dell’omicidio potrebbero esserci attriti familiari e questioni economiche.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Cinisi, a fuoco la pizzeria di Giovanni Impastato: si indaga per incendio doloso

prev
Articolo Successivo

Foggia, agricoltore di 69 anni spara e uccide la vicina, ferisce la moglie e poi si suicida

next