Una mobilità urbana libera da ansie e condizionamenti. Indipendente da mode o divieti, sempre e comunque distintiva. Non è più tempo di rinunce, se si sale a bordo della nuova Peugeot 208. Perché non ci si dovrà più preoccupare di dove tirerà il vento. La nuova compatta francese non subisce la transizione energetica, ma la cavalca: benzina, diesel o gasolio non fa differenza, perché nell’offerta non manca nulla. Niente più vincoli ad un’alimentazione piuttosto che un’altra, ma solo la libertà di scegliere e personalizzare la propria 208 come si vuole, sapendo che sotto al cofano c’è tutto quel che serve. Perché la piattaforma multi-energia su cui nasce, può darvi ciò che volete quando lo volete: motori benzina 1.2 tre cilindri PureTech o quattro cilindri 1.5 diesel BlueHDi, ma soprattutto l’inedita versione a batteria, capace di prestazioni elevate grazie a una potenza di 136 cavalli ed un’autonomia anti-stress di ben 340 chilometri, che la trasforma nella più moderna, performante ed entusiasmante city car elettrica disponibile sul mercato.
La parola d’ordine è Enjoy. Divertitevi, vivete. Godete di un prodotto che vi mette a disposizione lo stato dell’arte della tecnologia del gruppo PSA, dove il progresso fa il paio con l’attenzione per le esigenze del cliente. Già, perché il futuro non deve preoccupare ma essere piuttosto al servizio di tutti noi, come i sistemi di assistenza alla guida di ultima generazione. O il posto guida Peugeot i-Cockpit, a cui si aggiungono le sensazioni che solo il 3D può dare: informazioni proiettate come ologrammi dal quadro strumenti digitale, in modo che chi guida abbia tutto sotto controllo. E a portata di mano. Compresa la qualità dei materiali, che abbelliscono un abitacolo high-tech ma che sa scaldare i cuori di chi lo occupa. Basta chiudersi dietro lo sportello, e lasciare il resto del mondo fuori.

Articolo Precedente

La sezione aurea, da Leonardo al design contemporaneo con i lavori e le declinazioni dello Studio Origoni Steiner

prev
Articolo Successivo

Poste Italiane, nuovi impegni per i piccoli Comuni

next