Muore di crepacuore mentre sta combattendo una battaglia giudiziaria per la figlia morta su un go-kart. È dal 2017 che Barbara Moffat ha cercato la verità sull’incidente che ha visto morire la figlia, Kelly Slater. La ragazza si trovava in vacanza a Tenerife con il compagno ed era deceduta dopo essere finita fuori strada mentre guidava un go-kart a 30 chilometri orari, precipitando fuori pista per sedici metri in un dirupo. La causa ufficiale della morte risulta una distrazione: Kellt si stava facendo un selfie mentre al volante della mini vettura. La madre della vittima ha invece sempre pensato che le cause fossero ben altre.

Barbara Moffat ha più volte sostenuto che non sono stati fatti controlli di sicurezza, che la figlia è stata fatta salire con le infradito senza che nessuno la fermasse e con un casco da motociclista che le stava larghissimo, ma soprattutto che non c’erano gomme di protezioni nella curva dove la ragazza è uscita di strada. In questi giorni la madre della vittima era rimasta molto delusa dal nulla di fatto risultati dall’inchiesta in corso sulla morte della figlia e aveva più volte chiesto di far luce sul tragico accaduto.

“Abbiamo solo l’impressione che i nostri quesiti rimangano inascoltati”, aveva dichiarato la signora Moffat. “Riteniamo che siano state coperte le responsabilità in materia di sicurezza dei proprietari della pista. Non c’erano pneumatici di sicurezza in quella curva. Se ci fossero state delle gomme su tutta la pista Kelly sarebbe rimasta ferita, ma sarebbe ancora qui per raccontare la sua storia. Non abbiamo avuto aiuto dalla polizia spagnola e non abbiamo nemmeno sentito parlare i responsabili della pista. Niente condoglianze, nessun risarcimento. Gli ultimi due anni sono stati incredibilmente difficili. Nessuna risposta. Nessuna giustizia. Questa inchiesta è stata una perdita di tempo, ma combatteremo sempre per Kelly”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Partecipa al finto arresto di tre modelle in intimo, poliziotto licenziato in tronco: “Disgustoso”

next
Articolo Successivo

Mangia una crocchetta di pesce ma è bollente e gli “brucia la gola”: muore a 51 anni

next