Dopo la condanna definitiva per omicidio volontario si è costituito nel carcere bresciano di Verziano Mirko Franzoni. All’uomo, 33 anni, sono stati inflitti nove anni e quattro mesi per la morte di Eduard Ndoj, 26 anni, albanese, freddato con un colpo di fucile a Serle nel dicembre del 2014 diverse ore dopo essere entrato nella casa del fratello del Bresciano.

Franzoni si è presentato in carcere prima che la procura di Brescia, in attesa della trasmissione della sentenza di Cassazione, firmasse l’ordine. Franzoni ha sempre sostenuto che non era sua intenzione uccidere e che il colpo di fucile che aveva ucciso il giovane sarebbe partito accidentalmente. Una tesi alla quale i giudici non hanno mai creduto. Franzoni era stato arrestato poco dopo. Alcuni testimone avevano raccontato che dopo il furto si era scatenata una vera e propria caccia all’uomo per le vie del paese.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Tiziano Renzi, il Corriere: “Uno dei telefoni sequestrati intestato a un extracomunitario. Lo usava da dopo l’arresto”. Replica: “Falso”

next
Articolo Successivo

Incidente di Pioltello, indagato l’ex direttore di Agenzia per la sicurezza ferroviaria: “Non ci fu alcun controllo sulla tratta”

next