La guardia costiera libica avrebbe respinto una “barca in pericolo” con a bordo 50 persone “tra cui 20 donne e molti bambini”. A darne notizia su Twitter è Alarm Phone, il servizio di supporto a coloro che si trovano in difficoltà nel Mediterraneo nel tentativo di arrivare in Europa.

“Temiamo – si legge in un primo lancio – sia avvenuta un’altra operazione di intercettazione e respingimento da parte della cosiddetta guardia costiera libica, in cooperazione con le autorità europee. Nel Mediterraneo, stragi di massa e violazioni dei diritti umani continuano a rimanere invisibili”. In un secondo tweet si legge: “Ieri siamo stati contattati da una barca in pericolo proveniente dalla Libia. A bordo 50 persone, tra cui 20 donne e molti bambini. Dopo aver ricevuto la posizione gps abbiamo informato le autorità di Malta e la guardia costiera. Abbiamo poi perso contatto con la barca”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Canevaworld, incidente nell’area Movieland: si ribaltano due carrozze del trenino monorotaia

prev
Articolo Successivo

Roma, si forma l’asse Comune-Regione per fermare gli sgomberi: “Nuovi scenari”. Ma la prefettura vuole tirare dritto

next