Le ultime settimane sono state segnate da nuovi sintomi dell’emergenza climatica: 10 miliardi di alberi e un’area grande quanto il Portogallo sono andati a fuoco in Siberia, mentre in India un’ondata di caldo eccezionale ha lasciato sul terreno oltre 1700 morti. E anche il nostro paese, seppure protetto da condizioni meteorologiche normalmente moderate, ha avuto i suoi eventi tragici, come la tromba d’aria che ha ucciso una giovane a Fiumicino, o la grandinata da record a Pescara.

Questi fenomeni non sono frutto dei capricci del caso, ma hanno un responsabile con nome e cognome: riscaldamento globale. Secoli di emissioni climalteranti hanno portato il pianeta sull’orlo del collasso, e se qualcuno pensa ancora tutto questo sia un problema solo per panda e pinguini si sbaglia di grosso. L’ultimo rapporto dell’Ipcc (Intergovernmental Panel on Climate Change) pubblicato solo pochi giorni fa mette in fila dati e previsioni spietate: il global warming porterà con sé – come già sta iniziando a fare – eventi meteorologici estremi, desertificazione e innalzamento del livello dei mari, che si tradurranno in morti, enormi danni economici e migrazioni bibliche.

Dopo decenni di sostanziale indifferenza dell’opinione pubblica gli effetti del cambiamento climatico hanno portato sempre più persone a mobilitarsi: milioni di giovani in tutto il mondo sono scesi in piazza con gli hastag #fridaysforfuture e #schoolstrikeforclimate, mentre Londra è stata paralizzata per settimane dagli attivisti di Exctinction Rebellion. E anche negli ultimi giorni sono arrivati segnali importanti, come la notizia del cantiere navale di Belfast occupato dagli operai che chiedono nazionalizzazione e riconversione ecologica.

Alla finestra è rimasta però la politica. Mentre nel mondo salgono al potere leader apertamente negazionisti come Trump e Bolsonaro, da una nostra analisi meno dell’1% dei tweet dell’ultimo mese dei tre principali leader del nostro Paese (Salvini, Di Maio, Zingaretti) sono stati dedicati all’emergenza clima, e i giornali non hanno spazio che per la crisi di governo.

Ma se, come ci dice la scienza, ci restano solo 11 anni per provare a invertire la rotta, non possiamo che rabbrividire di fronte all’ipotesi di altri anni persi dietro a governi “tecnici”, “di scopo”, “a tempo”. Il governo che serve alle persone, l’unico governo possibile è sì il governo del cambiamento, ma climatico.

Il nostro è un appello a tutte quelle forze che ci hanno applaudito quando abbiamo occupato le piazze di tutta Italia, a tutti coloro che – trasversalmente – credono il clima sia un problema da affrontare. Avete l’occasione di passare dalle parole ai fatti, di mostrare il vostro impegno verso i giovani, i più deboli, la vostra terra.

Serve un governo che dichiari l’emergenza climatica, che tagli gli incentivi al fossile, che blocchi i nuovi investimenti sulle risorse climalteranti, che realizzi un grande piano per l’efficentamento energetico e le rinnovabili, che rispetti gli accordi di Parigi e vada anche oltre, seguendo le indicazioni che vengono dalla comunità scientifica.

E attenzione a non pensare che occuparsi di clima significhi tralasciare lavoro, democrazia, sanità. Un cambio radicale del sistema produttivo, delle abitazioni, delle città in senso green sarebbe un volano formidabile per l’occupazione; la riconversione delle aziende climalteranti coincide quasi sempre con l’eliminazione di impianti inquinanti e pericolosi per la salute dei cittadini; fronteggiare la crisi climatica significa per la prima volta ascoltare i milioni di giovani preoccupati per il proprio futuro.

Ci sono le condizioni politiche? Probabilmente no, nessuno degli attori in campo ha dimostrato la volontà necessaria, e forse il nostro appello sarà un urlo ad un sordo.

Ma abbiamo troppo poco tempo e troppo bisogno di lottare per non fare questo tentativo, e sparare fino all’ultima cartuccia che abbiamo a disposizione.

Cari politici, realizzate il governo del cambiamento climatico, e dimostrateci di essere migliori di quello che siete stati fin’ora.

Fatto for future - Ricevi tutti i giovedì la rubrica di Mercalli e le iniziative più importanti per il futuro del pianeta.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ostia, delfino trovato morto su una scogliera: forse colpito da morbillovirus. Esperti: “Non avvicinatevi”

next
Articolo Successivo

Nadia Toffa, da medico dico che la morte dei giovani per cancro pone domande sull’inquinamento

next