Ha parlato di “furia omicida” dovuta alla “gelosia” e di “persona instabile che gestisce male le frustrazioni”, il gip di Milano Alessandra Clemente nel provvedimento con cui oggi ha convalidato il fermo e disposto il carcere per Sebastian Ganci, la guardia giurata che domenica scorsa ha ucciso, a Tavazzano nel Lodigiano, il cugino di 29 anni, Amato Di Paola, dopo una lite per via di una ragazza di 17 anni di cui il vigilantes si era invaghito.

Il giudice, che nel provvedimento riporta le dichiarazioni messe a verbale dalla minorenne, di origine romena, parla anche di un verosimile “abuso di cocaina“, ritrovata nell’appartamento dove è avvenuto il delitto assieme a hashish. Sul punto sono in corso accertamenti per capire se e chi abbia fatto uso di sostanze stupefacenti. Secondo la ricostruzione finora emersa e riportata nell’ordinanza, il vigilantes di 40 anni, innamorato della 17enne, qualche giorno prima del delitto sarebbe andato a Cerignola (Foggia), il paese di origine, assieme alla ragazza per una breve vacanza.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Ciclista ucciso, la 28enne arrestata: “Blackout mentale”, ma in silenzio davanti al gip

prev
Articolo Successivo

Rovigo, sevizie su anziani in casa di riposo: 9 interdizioni. “Atti lesivi della dignità umana”

next