“La nostra posizione sul Tav è nota si tratta di decidere come continuare a lavorare sule opere utili. Il Parlamento è sovrano ed è l’unico che può cambiare qualcosa. Le alternative sono impraticabili. Nè Francia, nè Europa vogliono tornare indietro, per noi le opere utili sono altre”. Lo ha detto la viceministro dell’Economia Laura Castelli, rispondendo ai cronisti davanti al ministero dei Trasporti. “Dimissioni dei ministri cinque stelle? Non credo si possa parlare in questi toni. Nel contratto c’è un percorso impegnativo e lavoriamo”. Le ha fatto eco la sindaca di Torino Chiara Appendino. “Se decidessimo di sfiduciare il Governo il Tav si farà comunque. Credo che Di Maio stia facendo il massimo in un contesto difficile. Ho piena fiducia nell’operato e credo che da settembre si debba ripartire da tempi specifici come ad esempio il salario minimo”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Governo, adesso è il M5s a chiedere i ‘sì’ della Lega (entro settembre). Di Maio: “Ci appoggino sul taglio dei parlamentari e dei loro stipendi”

prev
Articolo Successivo

Americano bendato, gli Usa non ci facciano la morale: la loro polizia è brutale e razzista

next