Sequestrati orologi di lusso, gioielli e pietre preziose dalla polizia di Stato e dalla Guardia di Finanza di Palermo a Gaetano Fontana, figlio del boss defunto Stefano, che in passato ha scontato una condanna per mafia. L’uomo, 43 anni, è stato il reggente del clan che fu del padre e con i soldi del pizzo avrebbe investito a Milano. Gaetano Fontana sottoposto alla misura della sorveglianza speciale aveva aperto una gioielleria in via Felice Cavallotti nel quadrilatero della moda.

Il questore di Palermo Renato Cortese aveva disposto già un primo sequestro beni. Quest’ultimo, eseguito con la collaborazione di operatori della divisione anticrimine della questura di Milano, è scattato dopo le perquisizioni eseguite dai militari del nucleo di polizia economico e finanziaria della guardia di finanza nelle abitazioni di Gaetano Fontana e dei fratelli Angelo e Rita nell’ambito dell’operazione “Coffee Break”, coordinata dalla Dda di Palermo. Beni che Fontana aveva tentato di nascondere per investirli in altre attività. L’impresa, inoltre, pochi giorni prima del sequestro, era stata colpita anche da un provvedimento interdittivo antimafia disposto dal prefetto di Milano.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

MANI PULITE 25 ANNI DOPO

di Gianni Barbacetto ,Marco Travaglio ,Peter Gomez 12€ Acquista
Articolo Precedente

Reggio Calabria, “lacerazioni e aborti senza consenso”: condannati primario e 8 medici degli ospedali Riuniti. Tre assolti

next
Articolo Successivo

Riccardo Magherini, ammesso il ricorso a Strasburgo. Un risultato di tutti noi

next