Lo storico dell’arte Tomaso Montanari torna in esclusiva su Loft ( www.iloft.it) con la seconda stagione di “Favole Forme Figure”, 12 brevi lezioni d’arte per parlare dei capolavori del passato. Nel primo ciclo Montanari si concentra sulle prime quattro opere: “L’ultima cena” di Leonardo, conservata nell’ex-refettorio rinascimentale del convento adiacente al santuario di Santa Maria delle Grazie a Milano; su “La Camera degli sposi” di Andrea Mantegna, collocata nel torrione nord-est del Castello di San Giorgio di Mantova; sul ritratto de “I Coniugi Arnolfini”, del pittore fiammingo Jan van Eyck, realizzato nel 1434 e conservato nella National Gallery di Londra; infine, sull’opera romana “Marte a riposo”, scolpita probabilmente tra il II e il I secolo A.C., ritrovata nel 1622 vicino a piazza Campitelli a Roma, collocata inizialmente a Villa Ludovisi e ora visitabile a Palazzo Altemps.

“Favole Forme Figure” è realizzato per la piattaforma televisiva Loft ed è disponibile in abbonamento su app e sito di Loft.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Balle Spaziali, Marco Travaglio smonta tre fake news: è vero che l’emergenza rifiuti a Roma è tutta colpa di Virginia Raggi?

prev
Articolo Successivo

Eretici, su Loft l’omaggio di Tomaso Montanari ad Andrea Camilleri: “Un intellettuale impegnato e anticonformista”

next