È stata arrestata dagli agenti della squadra mobile di Salerno e portata nel carcere della stessa città, la madre della bambina di 8 mesi morta per lesioni nella notte tra il 21 e il 22 giugno scorsi in provincia di Salerno.  La donna, così come il padre della bambina, Giuseppe Passariello, già in carcere dal 23 giugno, è accusata di omicidio volontario aggravato.

La bambina era morta nella notte tra il 21 e il 22 giugno ed era stata portata all’ospedale “Umberto I” di Nocera Inferiore da Sant’Egidio Monte Albino, dove la famiglia risiedeva, quando oramai non c’era più nulla da fare. Il personale medico dell’ospedale aveva rinvenuto sul corpo della piccola lividi ed escoriazioni e i genitori erano stati immediatamente messi sotto indagine per omicidio dal pm del Tribunale di Nocera Inferiore, che li aveva interrogati insieme al personale medico e ai vicini di casa.

Il sindaco di Sant’Egidio, Nunzio Carpentieri, aveva fatto sapere che la famiglia era segnalata da tempo ai servizi sociali per le gravi fragilità, soprattutto economiche, nelle quali si trova, mentre la madre della bambina e i suoi famigliari avevano già denunciato episodi di violenza da parte del marito e i vicini di casa hanno riferito che l’uomo aveva un passato di tossicodipendenza.

Dopo l’arresto del padre erano proseguite le indagini coordinate dal sostituto procuratore Roberto Lenza, che hanno portato all’arresto della madre della bambina. Ora entrambi i genitori si trovano in carcere, mentre l’altro figlio della coppia, di 4 anni, è in affidamento presso i nonni.

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Stromboli, l’esplosione e la fuga: il video girato dall’amico dell’escursionista morto sull’isola

prev
Articolo Successivo

Sea Watch 3, parla Carola Rackete: “Mi sono sentita lasciata sola dalla Germania. La politica di Salvini viola i diritti umani”

next