Il Pd di Zingaretti? La maggioranza è sempre la stessa, ‘sto partito lo governa Franceschini alla fine“. Sono le parole di Dario Corallo, il giovane esponente del Pd che si candidò nella prima fase delle primarie dem e balzato agli onori delle cronache per le sue critiche alle modalità comunicative del medico Roberto Burioni e dei suoi follower.

Ospite de “L’Italia s’è desta”, su Radio Cusano Campus, Corallo spiega: “Il problema è che qualsiasi segretario viene eletto con una serie di voti che prende dal territorio, all’interno della base. Questi voti sono controllati da dei capi corrente locali, di cui non si sente mai parlare in tv. E questi si spostano. Prima erano tutti renziani, ora sono tutti zingarettiani. Chiunque diventi segretario si trova ostaggio di questo mondo. E’ il motivo per cui noi avevamo deciso di non parlare con nessun dirigente locale, ma questo ovviamente è stato punitivo dal punto di vista dei voti”.

Corallo si pronuncia sull'”autosospensione” di Luca Lotti nella vicenda Csm (“l’autosospensione non vuol dire niente, non esiste nello statuto del partito”) e si esprime su certo snobismo della sinistra: “Questo atteggiamento del ‘guarda, vengo e ti spiego quali sono i tuoi problemi’ non è sostenibile ed è uno dei motivi dell’arretramento della sinistra. I partiti di sinistra sono convinti di essere depositari del potere e che gli altri siano usurpatori e chi li vota è un analfabeta funzionale. Questo è molto pericoloso perché, oltre a farti perdere il rapporto con il cittadino, va a de-ideologizzare la politica. Se c’è una verità assoluta che senso ha la politica?”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Marina Militare, nomina del governo in extremis: l’ex capo degli incursori Cavo Dragone nuovo capo di Stato maggiore

prev
Articolo Successivo

Berlusconi è a Bruxelles e il lapsus lo tradisce: la procedura d’infrazione si trasforma in “prescrizione”

next