Un panda gigante che si era ammalato ed era stato salvato da alcuni abitanti, è tornato in libertà dopo 10 settimane di cure. L’animale era stato trovato il 5 aprile dai contadini della Contea di Jiuzhaigou, situata nella Provincia sudoccidentale di Sichuan. Il Centro di Ricerca di Chengdu per l’Allevamento dei Panda Giganti aveva inviato un gruppo di due veterinari e un allevatore per soccorrere il raro animale nella Contea di Jiuzhaigou.

Il gruppo aveva esaminato l’esemplare, una femmina adulta con un’età presumibilmente compresa tra i 7 e gli 8 anni vedendola gravemente disidratata, e diagnosticandole numerose patologie, tra cui disturbo elettrolitico, acidosi metabolica, infezione, anemia e disfunzioni cardiache. Dopo più di due mesi di trattamento intensivo e assistenza, l’assunzione di cibo e lo stato mentale del panda sono migliorati gradualmente. Ora l’animale pesa 85 chilogrammi, 10 chilogrammi in più rispetto all’inizio delle cure.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Auto elettriche, e se le ricaricassimo tutte insieme? Ecco cosa succederebbe

prev
Articolo Successivo

Idrogeno e rinnovabili al posto del carbone a Civitavecchia?

next