Un panda gigante che si era ammalato ed era stato salvato da alcuni abitanti, è tornato in libertà dopo 10 settimane di cure. L’animale era stato trovato il 5 aprile dai contadini della Contea di Jiuzhaigou, situata nella Provincia sudoccidentale di Sichuan. Il Centro di Ricerca di Chengdu per l’Allevamento dei Panda Giganti aveva inviato un gruppo di due veterinari e un allevatore per soccorrere il raro animale nella Contea di Jiuzhaigou.

Il gruppo aveva esaminato l’esemplare, una femmina adulta con un’età presumibilmente compresa tra i 7 e gli 8 anni vedendola gravemente disidratata, e diagnosticandole numerose patologie, tra cui disturbo elettrolitico, acidosi metabolica, infezione, anemia e disfunzioni cardiache. Dopo più di due mesi di trattamento intensivo e assistenza, l’assunzione di cibo e lo stato mentale del panda sono migliorati gradualmente. Ora l’animale pesa 85 chilogrammi, 10 chilogrammi in più rispetto all’inizio delle cure.

Fatto for future - Ricevi tutti i giovedì la rubrica di Mercalli e le iniziative più importanti per il futuro del pianeta.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Auto elettriche, e se le ricaricassimo tutte insieme? Ecco cosa succederebbe

next