“Si sono avvicinati con una moto e hanno sparato, quando i soccorsi sono arrivati lui era ancora vivo“. È una delle testimonianze raccolte questa mattina tra passanti e testimoni che erano in via Cadore, a Milano, quando sono stati esplosi alcuni colpi di pistola contro un 46enne seduto in auto. Enzo Anghinelli era stato fermato nel 2007 con due chili di cocaina, nel ’98 era sfuggito all’agguato di un killer.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Agguato in centro a Milano, l’auto col finestrino distrutto in mezzo alla strada: le prime immagini dopo la sparatoria

prev
Articolo Successivo

Campania, i conti della Sanità tornano in ordine. Ma il prezzo del commissariamento è sulle spalle dei malati

next