Torna in carcere Fabrizio Corona. Il magistrato di Sorveglianza, Simone Luerti, ha sospeso l’affidamento terapeutico che gli aveva permesso di uscire da San Vittore per curare la dipendenza psicologica dalla cocaina. I poliziotti quindi lo hanno prelevato nella sua abitazione a Milano conducendolo in cella a San Vittore.

La decisione del magistrato è legata a diverse violazioni che l’ex re dei paparazzi ha a suo avviso commesso negli scorsi mesi, infrangendo in questo modo le disposizioni che erano state imposte dal tribunale di Sorveglianza. Toccherà quindi ora proprio al tribunale decidere entro 30 giorni se confermare o meno la sospensione.

Domenica sera, Corona aveva partecipato a una puntata di “Non è l’Arena”, il talk di La7 condotto da Massimo Giletti. Per lo stesso programma, negli scorsi mesi, aveva girato un reportage nel “boschetto della droga” a Rogoredo, periferia sud di Milano, durante il quale era stato aggredito assieme alla troupe.

Anche quell’episodio rientra tra quelli contestati dal magistrato di Sorveglianza. Corona, stando al provvedimento, sia con un video su Instagram che partecipando ad una puntata della trasmissione televisiva, a fine febbraio, ha dimostrato, con una serie di affermazioni, di essere insofferente alle regole dell’affidamento terapeutico, dicendo, in sostanza, che non ne poteva più.

Il giudice ha inserito tra le motivazioni anche il comportamento tenuto da Corona nei confronti di Riccardo Fogli, ossia l’aver parlato di un presunto tradimento della moglie dell’ex componente dei Pooh durante la trasmissione L’isola dei famosi. Un comportamento ritenuto non “congruo” per una persona che sta scontando la pena in affidamento.

Tra le irregolarità, anche svariati rientri a casa oltre le 23.30 – l’orario stabilito dal Tribunale – e alcune trasferte non autorizzate fuori dalla Lombardia. Il giudice Luerti aveva già emesso una “diffida” nei confronti di Corona, imponendogli di non lasciare la regione fino al 30 marzo.

L’ex fotografo, però, non avrebbe obbedito. Inoltre a dicembre, autorizzato per una trasferta nel Vicentino, è andato fino a Udine senza autorizzazione. Il 13 gennaio, la polizia penitenziaria di San Vittore lo ha invece sorpreso mentre si faceva riprendere da una telecamera di fronte al carcere.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

“Igor il russo” condannato all’ergastolo. Fu preso in Spagna dopo due omicidi. Vedova: “Mio marito ucciso dallo Stato”

prev
Articolo Successivo

Sangue infetto, Poggiolini e altri nove imputati assolti dall’accusa di omicidio colposo plurimo: “Il fatto non sussiste”

next