Ha bevuto alcol prima di mettersi alla guida di un pullman con 45 studenti di liceo. E’ accaduto in Toscana venerdì scorso, anche se l’episodio è divenuto noto solo oggi. A denunciare l’autista è stata la Polizia stradale che è intervenuta lungo la A11, la Firenze-Mare, per fermare tre autobus. A bordo c’erano circa 150 persone tra studenti e insegnanti del liceo scientifico di Vairano Patenora (in provincia di Caserta) che si trovavano in zona per una gita scolastica dopo una segnalazione arrivata alla centrale operativa. Nella telefonata è stato spiegato che gli autisti avevano bevuto alcolici. Due pattuglie della Stradale di Montecatini hanno bloccato la colonna dei pullman e hanno sottoposto i tre conducenti all’alcol test. Uno di loro è risultato positivo, con un tasso alcolemico di 0,66 grammi per litro (come noto il limite è di 0,5). L’autista ha provato a giustificarsi dicendo che aveva bevuto “appena un goccino“, ma i poliziotti hanno risposto che chi svolge la professione di autista quando si mette al volante non deve mai bere. La Polstrada gli ha ritirato la patente e lo ha pure sanzionato con oltre 700 euro, consentendo al bus di ripartire solo dopo che è giunto a Montecatini un altro autista.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Roma, incendio Rocca Cencia: con il tmb a mezzo servizio e quello del Salario chiuso, l’Ama è costretta a rivolgersi a Cerroni

prev
Articolo Successivo

Catania, stuprano in gruppo una 19enne americana e filmano la violenza con il cellulare: fermati tre giovani

next