“Cercavo la fine del mare, storie migranti raccontate dai disegni dei bambini” (in libreria dal 21 marzo per Mimesis Edizioni) è nato prima come un longform, pubblicato su ilfatto.it. Quel progetto, nell’anno scolastico 2017/2018, è stato presentato in 10 classi di medie e superiori della provincia di Milano grazie all’iniziativa Bookcity Scuole 2017. Gli studenti, dopo aver ascoltato le storie dei loro coetanei nei campi per i migranti in Grecia, hanno scritto articoli di approfondimento e cercato altre esperienze da raccontare. La terza D del liceo Donatelli-Pascal di Milano, coordinata dalla professoressa Michelina Mastroianni, ha intervistato i richiedenti asilo Yaya Sanoussi e Muslim Din. Questo video è il trailer dell’intervista realizzata dagli studenti

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

“Cercavo la fine del mare”, storie migranti raccontate dalle matite dei bimbi: ‘Sai come si taglia una testa? Te lo disegno’

next