A Formello, in provincia di Roma, tra i carri della sfilata di carnevale c’era l’allegoria di un barcone di migranti. Trainata da una jeep con tanto di bandiere italiane, l’imbarcazione con a bordo bambini e adulti col viso dipinto di nero e le scritte “no pago affitto” e “vogliamo wifi“. Le foto e i video della manifestazione hanno suscitato diverse polemiche, che il sindaco, Gianfilippo Santi, ha respinto: “Nessuno si è scandalizzato e, anzi, tutti si sono divertiti. È un attacco politico nei miei confronti, non credo di dover delle scuse a nessuno”. Lo scorso anno il carnevale di Formello era finito sotto i riflettori per un carro sull‘emergenza rifiuti di Napoli.

“Usare una festa popolare, di gioia, divertimento puro per irridere, offendere chi arriva in Italia dopo aver superato sacrifici incredibili e a rischio della vita è becero, e una vera istigazione al razzismo”, scrive il segretario del Pd Lazio, Bruno Astorre. “Il razzismo esiste eccome, altrimenti un gioco, una festa, come il carnevale, non si trasformerebbe a Formello in una dichiarazione di scherno contro l’altro. Dove a farne le spese sono soprattutto bambini e bambine, che per crescere e costruire un futuro migliore, avrebbero bisogno di messaggi di pace, inclusione, serenità, e non di questa becera strumentalizzazione. Abbiamo il dovere di fermare tutto questo”, commenta Marta Bonafoni, capogruppo della Lista Civica Zingaretti in Regione Lazio.

Video Facebook

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Il prete armato vuole la legittima difesa. Ma forse dimentica il Vangelo

next
Articolo Successivo

Daniele Nardi e Tom Ballard sul Mummery, noi ci crediamo ancora. Ma dobbiamo trovarli

next