In un’intervista al GuardianBrigitte Nielsen ha raccontato il lungo percorso per diventare madre a 54 anni, compresi i tentativi falliti con l’inseminazione artificiale. A giugno 2018 è nata la sua quinta figlia, Frida, e l’attrice danese ha confessato: “È stato logorante e complicato“. Aggiungendo: “Mi sono sempre detta: ci provo fino all’ultimo embrione rimasto, qualcuno deve pur vincerla questa lotteria”.

Servono un sacco di soldi e fatica, soprattutto a quest’età. Gli ormoni reagiscono in maniera diversa a seconda di ogni donna e quando ti senti dire al telefono ‘mi dispiace’ ne esci distrutta”, ha raccontato la Nielsen al quotidiano britannico. Ma l’attrice rivela di non aver mai mollato: “Avevo solo il 2,5% di possibilità, almeno cosi mi avevano detto i medici, che mi avevano messo subito in guardia: ‘Aspetta almeno ventisette settimane prima di dirlo ad amici e parenti’. Il rischio era troppo elevato”.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

isn’t paradise without you ♡ #babygirl #sardegna #sardinia #italy

Un post condiviso da Brigitte Nielsen (@realbrigittenielsen) in data:

L’ex compagna di Sylvester Stallone, che aveva già quattro figli maschi (Julian Winding, Killian Marcus Nielsen, Raoul Ayrton Meyer Jr, Douglas Aaron Meyer) avuti da tre diverse relazioni, ha realizzato così il desiderio di avere il primo figlio con l’attuale marito, il produttore italiano Mattia Dessi con cui è sposata dal 2005. Brigitte non ha detto nulla a nessuno fino al settimo mese (neanche alla madre): “Qualcuno mi ha detto che sarei ridicola a fare una cosa del genere alla mia età, ma questi sono affari miei”, ha spiegato.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Sara Ferguson: “La rivalità tra Kate e Meghan? Come quella tra me e Diana”

next
Articolo Successivo

Uomini e Donne, lutto per Manuel Vallicella: il commovente addio alla sua mamma

next